Milan, passi avanti per Ibrahimovic. Il Psg lo scarica per Ronaldo?

Ibrahimovic e Al-Khelaifi (getty images)
Ibrahimovic e Al-Khelaifi (getty images)

Continua la trattativa del Milan per convincere Zlatan Ibrahimovic a congiungersi nuovamente con il club rossonero. I segnali sono positivi, visto che fonti vicine proprio al centravanti svedese informano come sia molto tentato e lusingato dalla volontà del club di via Aldo Rossi di puntare forte su di lui dopo l’addio del 2012, che non è andato giù allo stesso Ibra e soprattutto ai tifosi del Milan, i quali hanno sempre visto nel bomber di Malmö un leader di grande livello.

 

Come sostiene la Gazzetta dello Sport, Ibrahimovic starebbe ragionando bene su quale cifra potrebbe andare a percepire da qui sino al termine della carriera. Vorrebbe 18 milioni complessivi sul suo prossimo contratto, valutando anche una decurtazione dagli attuali 12 annui che prende dal Psg. Il Milan dunque dovrà scegliere se proporgli un biennale da 9 all’anno oppure allungare fino ad un triennale da 6 milioni stagionali. Il costo del cartellino non sarebbe invece così esoso: non può costare sicuramente meno di 5 milioni, ma essendo un ultra trentenne in scadenza tra un anno non può superare i 10, a meno di una rescissione consensuale con i parigini.

 

E se Nasser Al-Khelaifi, il ricco proprietario del club francese, continua a sostenere la volontà di trattenere Ibra, si profila invece un sacrificio tecnico e finanziario con la cessione dello svedese. Il grande sogno da regalare alla piazza parigina si chiama Cristiano Ronaldo, ed è pronta un’offerta da 120 milioni di euro per strapparlo al Real Madrid. Per arrivare a CR7 servirà sacrificare qualcuno di costoso e imponente. Chi meglio di Zlatan?

 

Redazione MilanLive.it