Milan, si riparte: sogno Ibra, idea Cavani. Tutte le possibili mosse di Galliani

Cavani e Ibrahimovic (getty images)
Cavani e Ibrahimovic (getty images)

Settantacinque milioni di euro ancora in cassa ed una sessione di calciomercato ancora tutta da vivere, visto che inizierà solo il prossimo primo di luglio. Il Milan deve risollevarsi dal doppio smacco subito da Inter e Atletico Madrid, che nell’ultimo nerissimo weekend hanno strappato ai rossoneri i cartellini di Geoffrey Kondogbia e di Jackson Martinez, due obiettivi realistici e concreti che avrebbero rinforzato la rosa. Ma come sostiene la Gazzetta dello Sport di oggi, è ora di ripartire.

 

Nuovi o vecchi obiettivi, il Milan deve cominciare a muoversi su altre piste; la prima che viene in mente porta, di nuovo, a Zlatan Ibrahimovic, idolo dei tifosi ed eccellente fantasia per una squadra che possa tornare vincente e competitiva. Lo svedese si era avvicinato fortemente dopo il contatto di due settimane fa con Adriano Galliani al telefono, per poi decidere di restare al Psg dopo il colloquio con la proprietà araba. Ma il Milan potrebbe fare sul serio e provare nuovamente a convincere il numero 10 parigino a guidare la formazione del prossimo anno.

 

A Parigi non piace solo Ibra; l’ultima tentazione si chiama Edinson Cavani, il bomber uruguayano ex Napoli. Si tratterebbe di un’operazione costosissima, circa una sessantina di milioni per il suo cartellino e una decina invece per l’ingaggio tra stipendio fisso e bonus. Cavani non giocherebbe la Champions ma un ritorno in Italia si dice sarebbe più che gradito. E le piste per l’attacco non finiscono qui: Salah e Jovetic sono profili diversi, ma fattibili soprattutto con la formula del prestito. Luiz Adriano piace da tempo, ma potrebbe arrivare più nella sessione di gennaio a costo zero. Esosi invece i possibili colpi Carlos Bacca e Edin Dzeko: il primo costa 30 milioni di clausola rescissoria, il secondo molto meno per il cartellino, ma percepisce più di 6 milioni annui dal City.

 

E per il dopo Kondogbia i nomi sul taccuino di Adriano Galliani sono quattro: il primo è il belga Axel Witsel, il duttile mediano dello Zenit, che costa molto e piace anche alla Juventus. Poi Andrea Bertolacci, riscattato dalla Roma ma con il Milan pronto ad una nuova offerta a rialzo. C’è sempre Giannelli Imbula, mollato dall’Inter e vicino a lasciare il Marsigilia. Infine la vecchia possibilità di ingaggiare Andrea Baselli, regista di Atalanta e Nazionale Under 21 che era già stato bloccato a gennaio scorso.

 

Redazione MilanLive.it