Clement Crenier e Andrea Poli (Getty Images)
Clement Crenier e Andrea Poli (Getty Images)

Il sogno di un Milan tutto italiano ipotizzato da Silvio Berlusconi è ancora difficile da realizzare, ma per il momento il Cavaliere potrebbe accontentarsi di un reparto intero, quello di centrocampo. Sinisa Mihajlovic ha a disposizione attualmente una mediana completamente di marchio azzurro, con degli elementi variegati per talento, esperienza e qualità. Nel suo centrocampo a tre previsto dalle impostazioni tattiche già messe in mostra nelle prime amichevoli, si parlerà quasi solo l’italiano stretto.

 

L’unica eccezione, come scrive la Gazzetta dello Sport, si chiama Nigel de Jong, il veterano del Milan che però comincia nuovamente a soffrire il ruolo di mediano davanti alla difesa, vista l’incapacità di impostare l’azione e di sopperire a compiti di regia. Possibile che Mihajlovic punti su uno come Riccardo Montolivo, il capitano 30enne messo in grado di agire in fase di costruzione, come nel secondo tempo di Lione, dove però non è riuscito ad incidere.

 

Un reparto che comincia a funzionare nei suoi schemi ed equilibri; l’impatto positivo del nuovo arrivato Andrea Bertolacci, la duttilità di Jack Bonaventura, la voglia del giovane José Mauri ed il sorprendente Andrea Poli, che in queste prime sgambate stagionali si è riscoperto bomber per caso in attesa di vedere in campo i nuovi attaccanti arrivati dal mercato. Un Milan parzialmente all’italiana che può fare comodo anche in chiave Nazionale maggiore.

 

Redazione MilanLive.it