Mario Balotelli (getty images)
Mario Balotelli (getty images)

E se l’uomo decisivo nel derby di questa sera fosse Mario Balotelli? Possibile, anche se l’attaccante tanto discusso e chiacchierato del Milan partirà dalla panchina in una sfida per lui sentitissima, cresciuto nelle giovanili dell’Inter ma tifoso rossonero da sempre, anche se i suoi rapporti con le due tifoserie non sono attualmente proprio idilliaci, anzi.

 

L’edizione di Tuttosport parla di Mario come possibile ‘spacca-derby’, quell’elemento che a sorpresa potrebbe rivelarsi decisivo, sempre che l’ex Liverpool non si faccia prendere dalla voglia di strafare e risolvere ogni problema in vista da solo. Balotelli ha già fatto litigare sul mercato i due amici Roberto Mancini e Sinisa Mihajlovic: il primo lo avrebbe voluto come vice-Icardi, il secondo se l’è ripreso e sta provando a recuperarlo, anche se stasera non gli assicura una presenza in campo nel derby.

 

L’esperienza di Balo con le due milanesi ha del clamoroso: nell’Inter cominciò da giovanissimo, quando proprio Mancini lo lanciò in prima squadra a 17 anni e contribuì alla conquista dello scudetto nel 2008. Così fece con José Mourinho l’anno successivo, ma lo strappo avvenne nell’anno del ‘triplete’, quando Balotelli litigò con i tifosi e fece di tutto per farsi odiare. Al Milan nel 2013 lo hanno accolto come una star, lui ha ripagato con prestazioni da leader per sei mesi, mentre nella stagione seguente non ha convinto per prove opache e carattere da separato in casa. Ora punta a riprendersi la fiducia, con o senza i fischi dei tifosi.

 

Redazione MilanLive.it