berlusconi salvini galliani
Berlusconi, Salvini e Galliani (foto corriere.it)

L’annuncio è arrivato, indiretto ma piuttosto chiaro, ieri in conferenza stampa da parte di Sinisa Mihajlovic: “Chi andrà in campo domani contro il Crotone dovrà dimostrare di meritare la maglia del Milan“. Ovvio dunque che nel match contro la squadra di Ivan Juric, valida per il quarto turno secco di Coppa Italia, scenderà in campo un Milan inedito ed imbottito di riserve ed esuberi, con almeno cinque ragazzi della Primavera che siederanno in panchina.

Il Corriere della Sera di oggi svela l’umore tutt’altro che sereno della dirigenza milanista dopo aver appurato della scelta di Mihajlovic di sfidare il Crotone con una formazione priva di titolari. Ben undici cambi sono attesi rispetto al match di campionato vinto contro la Sampdoria, un po’ come fatto nelle amichevoli recenti organizzate in mezzo alla settimana. Eppure nel primo turno di coppa disputato contro il Perugia ad agosto il Milan messo in campo dal serbo era praticamente quello base, anche se il campionato doveva ancora cominciare e serviva donare minutaggio ai titolari.

Silvio Berlusconi a più riprese ha inserito la vittoria, o comunque l’accesso in finale, della Coppa Italia come uno dei due obiettivi primari per il suo Milan in questa stagione, sullo stesso piano del terzo posto Champions. Anche Mihajlovic ieri ha confermato l’intenzione di lottare per questo trofeo, ma il rischio di una figuraccia con la rivale cadetta sancirebbe uno strappo decisivo tra l’allenatore e la dirigenza intera.

Redazione MilanLive.it