Crisi Bacca: il Milan non vince senza i suoi gol

Carlos Bacca
Carlos Bacca (©Getty Images)

Un solo gol nelle ultime sette partite giocate, ma un digiuno così eccessivo aveva colpito un calciatore letale come Carlos Bacca, centravanti del Milan che per mesi ha trascinato a suon di reti importanti la formazione di Sinisa Mihajlovic quanto meno verso l’attuale sesto posto in classifica. Anche sabato sera contro la Juventus, il numero 70 colombiano è rimasto a secco ed ha disputato una delle prove più incolori della sua annata, pochissimi palloni toccati e solo una conclusione verso lo specchio bianconero.

La Gazzetta dello Sport affronta i dati recenti impietosi, che vedono un Bacca in crisi di gol e prestazioni. Si tratta del classico attaccante che vive per il gol, che non ha mezze misure: se segna risulta tra i migliori in campo, prendendo fiducia ed emotività, mentre se non riesce a timbrare il cartellino rischia di finire tra i bocciati, visto anche il 4.5 che la ‘rosea’ gli ha pesantemente assegnato dopo la prova impalpabile di sabato a San Siro.

I numeri dicono inoltre che il Milan quando segna Bacca non perde mai, come fosse un salvagente fondamentale per i destini rossoneri. Ma al contrario se l’ex Siviglia resta al palo, come troppo spesso accaduto di recente, è a serio rischio k.o., visto che viene eventualmente a mancare quel pizzico di concretezza in più abile a trasformare una buona prestazione globale in qualcosa di ancor più positivo. Senza i timbri vincenti di Bacca la volata all’Europa si fa davvero dura.

 

Redazione MilanLive.it