Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi (©Getty Images)

Di firme o comunicati ufficiali neanche l’ombra, ma nel week-end appena trascorso si sono fatti grossi passi in avanti sul fronte della cessione delle quote di maggioranza Milan. Pare che Silvio Berlusconi stia virando verso il sì definitivo all’accordo con la cordata cinese, che ormai sembra proprio fare sul serio visti i frequenti contatti con Fininvest e con il dirigente Pasquale Cannatelli, pronto ad aprire all’arrivo di fondi orientali per far ripartire un club in crisi economica e tecnica.

La Gazzetta dello Sport però svela che nell’animo di Berlusconi vi sia ancora qualche dubbio, un paio di crucci ancora da risolvere. Ad alcuni conoscenti avrebbe detto di essere pronto a cedere, ad altri invece di non essere ancora certo dell’operazione. Con i figli Marina, Piersilvio e Barbara, che spingono per il passaggio di consegne, sarebbe persino rimasto sul vago. Il presidente prima di prendere una decisione vuole chiarimenti, soprattutto sull’identità dei soggetti cinesi presenti nella cordata visto che tra le smentite dell’Alibaba Group e quelle di Hutchison Whampoa ancora non sono stati resi noti i nomi dei reali investitori.

Inoltre Berlusconi vorrebbe ragionare ancora qualche settimana, chiedendo una proroga sul contratto preliminare con la possibilità di fare un passo indietro senza incappare in onerose penali. La sua preoccupazione riguarda anche l’aspetto decisionale e gestionale nel club del futuro, che rischia di tagliare fuori nettamente l’attuale dirigenza. Insomma tutte le strade portano al sì, anche se prima l’ex premier vuole valutare ogni cavillo e situazione per non lasciare il Milan da sconfitto ed in mani sbagliate.

 

Redazione MilanLive.it