Manuel Pellegrini
Manuel Pellegrini (©Getty Images)

Le parole di Adriano Galliani durante la conferenza di presentazione di Cristian Brocchi come allenatore del Milan avevano già fatto presagire una riconferma tutt’altro che semplice per la prossima stagione. “Se dovesse andar male tornerà a guidare la Primavera” – come a dire che l’incubo di una nuova retrocessione nel settore giovanile è un’ipotesi reale e concreta. Soprattutto dopo le ultime tre gare giocate dal suo Milan, indolente ed in piena crisi, incapace di battere anche solo una tra Carpi, Verona e Frosinone.

La posizione di Brocchi, secondo La Gazzetta dello Sport, è sempre più a rischio, visto che il giovane tecnico nonostante le ottime prove come guida della Primavera rossonera, non sembra ancora avere il polso della situazione e la maturità adatta per riportare in alto una squadra allo sbando, un po’ come fu per Filippo Inzaghi la scorsa stagione. Ecco perché continuano ad essere accesi i fari su due tecnici molto più esperti e di livello superiore. Il primo è Manuel Pellegrini, nome che stuzzica la fantasia dei dirigenti a Milanello, visto che lascerà il Manchester City a giugno ed ha recentemente ammesso di essere incuriosito da un’avventura italiana.

L’altro è Vincenzo Montella, tecnico molto stimato da Silvio Berlusconi; l’ex attaccante è oggi mister della Sampdoria, ma il suo progetto tanto decantato con la società di Massimo Ferrero non sta dando i frutti sperati. Non è esclusa una sua partenza in estate, con il Milan che lo accoglierebbe a braccia aperte. Tutto dipenderà anche dal futuro della gestione societaria in via Aldo Rossi, intanto Brocchi prova a salvare la faccia lavorando a testa alta e magari vincendo la Coppa Italia.

 

Redazione MilanLive.it