Tuttosport – Milan, Gancikoff cerca fondi: la cordata è sfaldata

Bandiera Cina
Bandiera cinese (©Getty Images)

MILAN NEWS – Tutti i dubbi dei cinesi. La firma per l’accordo preliminare slitta ancora: adesso è prevista fra l’1 e il 2 agosto, ma i tifosi ora ci credono poco. Dopo tutto quello che è successo in questi mesi intorno a questo tema, i supporters rossoneri si sentono presi in giro, e non hanno tutti i torti. Intanto Nicholas Gancikoff è attualmente in Cina, probabilmente per risolvere alcuni dettagli dei contratti.

Non è di questo avviso l’edizione odierna di Tuttosport. Secondo quanto scrive il quotidiano piemontese, il fidato braccio destro di Sal Galatioto sta lavorando per puntellare una cordata sfaldata: molte aziende legate alla Repubblica Popolare, infatti, si sarebbero allontanate dalla trattativa dopo aver analizzato i conti in rosso della società di via Aldo Rossi. Ieri si è parlato dei 15 milioni che i cinesi metterebbero a disposizione dopo il preliminare: questo confermerebbe, come riporta Tuttosport, che i compratori del Milan non sono dei veri e propri colossi dell’economia cinese.

Questa che abbiamo riportato adesso è l’ennesima indiscrezione diffusa in merito a questa estenuante trattativa per la cessione dei rossoneri. Vedremo come andrà a finire. Sta di fatto che, ora come ora, Adriano Galliani non ha garanzie economiche a cui aggrapparsi e quindi sta virando nuovamente su obiettivi low-cost o a parametro zero, come Martin Caceres o José Ernesto Sosa.

 

Redazione MilanLive.it