Leonel Vangioni
Leonel Vangioni (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il futuro di Leonel Vangioni pare ormai segnato. A gennaio lascerà il Milan.

Vincenzo Montella, non utilizzandolo mai in partite ufficiali, ha fatto capire che l’argentino non rientra nei suoi piani. Di recente il padre-agente del giocatore ha espressamente dichiarato che se la situazione non dovesse cambiare, la cessione a gennaio diventerà una possibilità concretissima.

Calciomercato Milan, 4 club su Vangioni

Il destino di Vangioni potrebbe portarlo a rimanere ancora in Italia. Infatti sono tre le società pronte ad accoglierlo. Una di queste è il Torino, dove Sinisa Mihajlovic pare apprezzarlo. E fu proprio il serbo a dare parere positivo sul suo arrivo al Milan.

Secondo Gazzamercato.it anche Genoa e Palermo sono interessate al 29enne terzino sinistro. Dei sondaggi con l’entourage dell’ex River Plate sono già stati effettuati. Il club ligure ci aveva provato già in estate, quando si era capito che Montella non puntasse sul calciatore. Ma poi l’operazione non andò in porto, Vangioni volle giocarsi le sue chance in rossonero. Adriano Galliani aveva aperto alla possibilità di un prestito, però la volontà del giocatore finì per prevalere.

Non solo in Italia ci sono pretendenti per il laterale mancino. Pure all’estero è spuntata una società interessata, si tratta del Siviglia. E’ Estadio Deportivo a rivelare che l’argentino è entrato nel mirino dell’allenatore connazionale Jorge Sampaoli. Per adesso non c’è nessuna trattativa, ma non è escluso che a gennaio possa accadere qualcosa. Il passaporto italiano di Vangioni favorisce praticamente qualsiasi trasferimento in Europa.

Il Milan è aperto a cedere il classe 1987 sia in prestito che a titolo definitivo. In estate è arrivato a parametro zero dopo la scadenza del contratto con il River Plate. C’è la possibilità di fare una piccola plusvalenza (3-4 milioni di euro?) da mettere a bilancio. Intanto Vangioni deve pensare a recuperare dall’infortunio e lavorare sodo per far cambiare idea a Montella. Poi il futuro si vedrà.

 

Redazione MilanLive.it