Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il futuro del club rossonero è incerto. Se fino a qualche giorno fa il closing di domani sembrava cosa pressoché fatta, adesso lo scenario è mutato. Com’è risaputo, i cinesi hanno chiesto altro tempo per chiudere l’acquisto del Milan.

Advisor e legali di Sino-Europe Sports e Fininvest stanno lavorando per chiudere l’accordo riguardante la proroga. Gli acquirenti verseranno altri 100 milioni di euro di caparra, dopo i 200 già versati tra agosto e dicembre, e in cambio la nuova scadenza sarà fissata tra il 31 marzo e il 7 aprile. La data non è ancora certa, ma sarà resa ufficiale probabilmente oggi in un comunicato congiunto delle parti.

Sicuramente questo nuovo rinvio ha minato la credibilità di questi ignoti compratori. Se già prima c’erano dei dubbi, visto che le identità di investitori e finanziatori non erano state annunciate, adesso la situazione è decisamente peggiorata. Ci si domanda se, visti i problemi ad acquistare il club, questi soggetti saranno poi in grado di gestirlo e rilanciarlo in caso di eventuale closing. Una preoccupazione non di poco conto.

Silvio Berlusconi ai suoi collaboratori ha fatto sapere che se i cinesi non verseranno i soldi richiesti, si terrà il Milan. Però la sua permanenza da patron, nell’eventualità che l’operazione con SES salti, potrebbe comunque essere temporanea. Oggi sia La Gazzetta dello Sport che il Corriere della Sera scrivono che è possibile che Fininvest avvii nuove trattative con nuovi compratori. Per la holding di via Paleocapa il club rossonero rappresenta un asset costantemente in perdita, basti pensare ai circa 180 milioni di euro di passivo accumulati nei precedenti due bilanci e i circa 70 dell’esercizio 2016 ancora da approvare. C’è dunque volontà di vendere, perché investimenti non sono previsti per il futuro.

 

Redazione MilanLive.it