Paulo Dybala e Mattia De Sciglio (©getty images)

MILAN NEWS – In tempi recenti mai si erano visti tanti strascichi pesanti dopo un incontro di campionato, seppur sentito come quello di venerdì sera. Juventus-Milan ha lasciato l’amaro in bocca ai rossoneri, tanto da aver scatenato la reazione di qualche calciatore milanista negli spogliatoi dello Stadium.

Già al fischio finale alcuni rossoneri si sono scagliati contro l’arbitro Davide Massa, pienamente insufficiente e reo di aver assegnato al 95′ minuto un rigore tutt’altro che evidente alla Juventus per mani di Mattia De Sciglio. I vari Donnarumma e Bacca hanno protestato con veemenza (il colombiano sarà quasi certamente squalificato) ma la rabbia del Milan si è consumata anche nel sotto passaggio: come riporta la Gazzetta dello Sport lo spogliatoio degli ospiti è stato danneggiato tra scritte sui muri, pugni, oggetti distrutti e ribaltati. Un ciclone di nervosismo insomma.

La cosa che fa più scena è un’enorme scritta ‘Ladri’ che qualche componente della squadra rossonera avrebbe scritto nel corridoio dove sono esposti tutti gli Scudetti vinti dalla Juve nella propria storia, non a caso proprio a coprire quelli del 2004-2005 e del 2005-2006, i due tolti ufficialmente dalla Federcalcio dopo l’inchiesta Calciopoli, che però in casa juventina continuano a considerare validi. Un gesto di rabbia che fa discutere, il Milan ha preferito non commentare e c’è ansia per le decisioni del Giudice Sportivo che potrebbe comminare una multa e il pagamento dei danni proprio al club di via Aldo Rossi. Poi andate a spiegare agli agnostici che il calcio è solo un gioco…

 

Redazione MilanLive.it