Milan da ‘Erasmus’: giovani talenti a caccia dell’Europa

L'esultanza dei rossoneri al gol di Juraj Kucka in Milan-Fiorentina
L’esultanza dei rossoneri al gol di Juraj Kucka in Milan-Fiorentina (©Getty Images)

MILAN NEWS – Comunque andrà a finire la stagione, c’è chi attribuirà a Vincenzo Montella poteri sovrannaturali per aver tenuto questo Milan così in alto in classifica, agganciato alla zona Europa League e con ambizioni future di primissimo piano per gioco e progetti tecnici.

Il suo Milan è squadra priva di veri campioni di livello internazionale e deve pure attraversare indenne il lungo e sfiancante periodo del closing, tra dicerie, ritardi e retroscena societari non proprio rilassanti. Eppure è lì, con la sua banda di giovani talenti dall’entusiasmo e dalla grinta che farebbero invidia a chiunque. Come riporta la Gazzetta dello Sport, la squadra di Montella ha l’età media più bassa dell’intera Serie A: 25 anni e 255 giorni, un record assoluto e particolare soprattutto pensando che una ‘provinciale’ come il Chievo Verona ha invece la media opposta, preferendo salvarsi con le armi della maturità.

Questo Milan invece è versione ‘Erasmus’, ovvero un gruppo di talenti giovani ed in erba alla caccia dell’Europa, un’ambizione importante che sentono di dover raggiungere per la loro crescita e per quella dei tifosi, stufi di vedere i rossoneri soltanto a livello di calcio nazionale. Pochi gli ultratrentenni in rosa: c’è Montolivo, capitano a quota 32 anni, seguito dai 31 di Paletta e Sosa. Fuori quota l’ormai 40enne Storari, al Milan solo di passaggio. Da sottolineare invece che a gennaio l’età media è rimasta bassa grazie agli arrivi di Deulofeu ed Ocampos, entrambi classe ’94, a completare la banda dei giovani terribili.

 

Redazione MilanLive.it