Yonghong Li tra Marco Fassone e David Han Li (foto acmilan.com)

MILAN NEWS – L’era cinese è cominciata ufficialmente ieri con la presentazione della nuova governance del Milan. La conferenza stampa, con introduzione da parte del presidente Yonghong Li e tenuta poi dall’a.d. Marco Fassone, ha chiarito tutti i passaggi che hanno portato il club rossonero a passare nelle mani dei cinesi.

Dovuti i ringraziamenti a Silvio Berlusconi, ad Adriano Galliani e a coloro che hanno gestito il Milan negli ultimi decenni, ma ora si guarda in avanti. Timido Mister Li nel prendere la parola e urlare il suo primo ‘Forza Milan’ da proprietario del club, ma il messaggio è chiaro: a piccoli passi si tornerà tra i grandi, con un progetto intenso e specifico che toccherà vari ambiti, da quello sportivo al settore marketing. Come ricorda la Gazzetta dello Sport l’a.d. Fassone ha poi chiarito tutti i punti strategici: sarà un Milan da Champions, che ha già annullato i debiti precedenti e che agirà con serietà e professionalità rispettando la passione dei tifosi.

Nello specifico i punti sottolineati da Fassone prevedono un Milan che partirà dalla base forte attuale e arricchirà la squadra con nuovi acquisti: “Abbiamo grande stima per Montella, la priorità è tenere lui e Donnarumma, che sarà una bandiera per noi. Avremo a disposizione un budget importante già per il mercato estivo“. Questo il succo delle parole più attese dai tifosi, che però ora vogliono puntare ai fatti. La Cina avrà un ruolo fondamentale in tutto ciò, visto il piano di sviluppo commerciale già ideato per i territori orientali. Nasce così il Milan d’Oriente, e grazie alla conferenza di ieri si può ragionare con maggiore ottimismo.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it