Vincenzo Montella (foto acmilan.com)

MILAN NEWS – Vincenzo Montella avrebbe voluto decisamente evitare una stigliata come quella di ieri alla sua squadra. In una fase delicata e decisiva del campionato il suo Milan avrebbe dovuto viaggiare a buon ritmo verso l’obiettivo europeo, invece il k.o. con l’Empoli ha riaperto vecchie profonde ferite.

Come scrive la Gazzetta dello Sport il tecnico rossonero nella ripresa degli allenamenti a Milanello non ha usato mezzi termini nel discorso faccia a faccia avuto con l’intero gruppo milanista. Alla presenza del d.s. Massimiliano Mirabelli, il tecnico campano è tornato ad usare parole forti, senza alzare la voce perché non nel suo stile, ma con toni decisi e tutt’altro che pacati. “Dov’è il furore?” – ha domandato espressamente Montella alla sua squadra, che domenica si aspettava una prova forte e concreta come quella contro il Palermo e invece si è ritrovato ad esaminare nuovamente gli errori commessi nel primo tempo del derby e nello scialbo pareggio di Pescara.

Il Milan in questa stagione ha abituato i tifosi ad un minor numero di passi falsi rispetto al passato e ad una maggior continuità di buoni risultati, ma la sconfitta in casa contro la quart’ultima in classifica ha sottolineato come la squadra di Montella non sia affatto guarita da vecchi problemi di personalità. I cali di concentrazione sono inammissibili in questo rush finale di stagione, visto che con una vittoria sull’Empoli il Milan avrebbe chiuso virtualmente il discorso Europa League, lasciando i rivali dell’Inter a -5. Il tecnico ora si aspetta una prova d’orgoglio a Crotone, in un’altra gara semplice sulla carta ma che nasconderà le stesse insidie recenti.

 

Redazione MilanLive.it