Milan, ostacolo Zenit San Pietroburgo per André Silva

André Silva
André Silva (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Nelle ultime settimane Massimiliano Mirabelli ha sondato diversi attaccanti per rinforzare la rosa, ma le richieste dei vari club, dal Real Madrid per Alvaro Morata, al Borussia Dortmund per Pierre Emerick Aubameyang, sono state esorbitanti. Persino il Torino non sembra voler scendere dai 100 milioni per Andrea Belotti. Tutte cifre esagerate per un solo giocatore che non ti garantirebbe comunque la vittoria assoluta.

Per questo il direttore sportivo sta valutando diverse situazioni. Al momento la più calda appare quella che porta a Nikola Kalinic, con l’accordo già raggiunto con gli agenti del croato. Altra pista interessante è quella che porta al talento portoghese André Silva. In quest’ultima stagione al Porto ha stupito con importanti numeri tra gol e assist. Il suo agente Jorge Mendes vorrebbe portarlo in un top club per fargli fare il definitivo salto di qualità, ma la clausola rescissoria fissata dal Porto, 60 milioni di euro, è un’ostacolo parecchio insidioso da superare.

Calciomercato Milan, concorrenza per André Silva: spunta lo Zenit San Pietroburgo

Spendere cifre così tanto esagerate per Silva potrebbe essere molto rischioso. Giovane e talentuoso, ma ancora tutto da scoprire. Il club di via Aldo Rossi, stando ad indiscrezioni emerse ieri dal Portogallo, avrebbe già avanzato la prima offerta ufficiale per acquistare il cartellino del giocatore.

Intanto nelle ultime ore sarebbero emerse novità relativamente all’interesse da parte dello Zenit San Pietroburgo del neo-allenatore Roberto Mancini, vecchia conoscenza del duo rossonero Fassone-Mirabelli. Una concorrenza – riportata stamane da Record – parecchio insidiosa viste le ingenti disponibilità economiche dei russi. Inoltre il rapporto tra i due club, visto l’affare Hulk di diversi anni fa, appare buono. Bisognerà vedere quanto Silva sia disposto ad andare in campionato poco competitivo come quello russo. Vedremo come si risolverà la situazione, resta il fatto che lo Zenit è da ritenersi una delle peggiori concorrenti, almeno in termini economici, con cui contendersi un calciatore.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it