Paulo Sousa
Paulo Sousa (©Getty Images)

MILAN NEWS – Mai come stavolta la posizione di Vincenzo Montella è davvero in bilico. La società non vuole esonerarlo: crede in lui e nel suo progetto tecnico, ma sa bene di non poter trascinare troppo la situazione se dovesse continuare questo trend negativo del Milan.

Massimiliano Mirabelli e Marco Fassone gli hanno chiesto di scegliere una formazione ideale e di dimostrare che i calciatori sono dalla sua parte. Ma la gara di domenica contro il Genoa può essere decisiva per il suo futuro. I tifosi sui social lo hanno ormai mollato e chiedono a gran voce il cambio in panchina prima che sia troppo tardi. Sì, ma chi al suo posto? In questo momento non ci sono alternative interessanti a piede libero. O meglio, qualcuna c’è, ma poco praticabile.

Come nel caso di Carlo Ancelotti. Che non ha nessuna intenzione di prendere una squadra in corsa e vuole prendersi un anno sabbatico. Probabilmente nella mente della società c’è soltanto un nome: Paulo Sousa. Il portoghese ha allenato la Fiorentina per due anni e ha svolto un ottimo lavoro sia sul piano dei risultati che di gioco. Con i viola ha dimostrato anche una certa versatilità tattica visto l’utilizzo sia della difesa a quattro che quella a tre.

Ci sono anche molte suggestioni. Sui social più volte è uscito fuori il nome di Clarence Seedorf: nei sei mesi sulla panchina del Milan nel 2014 ottenne 35 punti e soprattutto un gioco convincente. I tifosi si sono sempre schierati dalla sua parte e sarebbero molto felici di dargli un’altra occasione. Difficile invece Gennaro Gattuso che ha appena iniziato un corso importante con la Primavera.

Probabilità vicine allo zero per Luis Enrique. Che ha lasciato il Barcellona alla fine della scorsa stagione e non ha trovato un’altra squadra. Thomas Tuchel ha fatto ottime cose con il Borussia Dortmund, ma pare già promesso sposo del Bayern Monaco. Infine l’ipotesi Walter Mazzarri, ma non è di lui che il Milan ha bisogno, soprattutto dopo la fallimentare esperienza al Watford.

In conclusione: a parte Paulo Sousa, nessuna di queste ipotesi convince pienamente. La soluzione migliore al momento per il Milan è quella di continuare a dar fiducia a Montella e aspettare ancora qualche settimana per non rischiare di prendere decisioni affrettate. L’esonero dell’allenatore spesso è un tentativo di dare una scossa alla squadra e all’ambiente. Ma non sempre è una scelta che porta frutti.

 

Pasquale La Ragione – Redazione MilanLive.it