Panchina Milan: un ‘sogno’ ed una ‘realtà’ per il prossimo anno

Marco Fassone Vincenzo Montella Massimiliano Mirabelli
Marco Fassone, Vincenzo Montella, Massimiliano Mirabelli (©Getty Images)

MILAN NEWS – Ad oggi appare impossibile ipotizzare ciò che accadrà sulla panchina del Milan in estate, quando finirà quello che sarebbe dovuto essere il campionato della svolta per i rossoneri dopo gli investimenti ultima-milionari del 2017.

Vincenzo Montella è già sulla bocca di tutti; c’è chi lo vorrebbe allontanare già in queste settimane, chi non lo considera adatto a proseguire anche nelle prossime stagioni e chi invece lo difende dando la colpa dei mancati risultati recenti sia alla dirigenza che ai calciatori sopravvalutati. Ma secondo Tuttosport, senza riuscire ad agganciare la qualificazione in Champions League, appare difficile che il Milan di proprietà cinese possa affidarsi per il terzo anno consecutivo a Montella in panchina.

Servirebbe un allenatore con maggiore esperienza internazionale e con abilità nell’amalgamare un gruppo di calciatori importanti e dal carattere forte. Per questo motivo la dirigenza del Milan ha in serbo un ‘sogno’ e una soluzione più ‘reale’ per la panchina del prossimo anno: Antonio Conte sarebbe la scelta ideale, che farebbe sognare i tifosi rossoneri visti i 3 scudetti vinti con la Juventus e la Premier con il Chelsea dello scorso anno, oltre alle straordinarie capacità di rilanciare squadre e gruppi in calo. La scelta più realistica ricadrebbe su Roberto Mancini, allenatore di caratura internazionale molto legato a Marco Fassone. Scelta solida e pratica che però non farebbe gridare d’entusiasmo i tifosi rossoneri, forse anche per la militanza interista del ‘Mancio’.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it