Yonghong Li
Yonghong Li (foto acmilan.com)

NEWS MILANYonghong Li in queste ore è tornato al centro delle cronache rossonere. Ci sono più questioni che lo vedono protagonista. Dal fallimento di una sua presunta ‘cassaforte’ in Cina alle solite notizie sulla sua scarsa solidità finanziaria, fino ad arrivare all’inchiesta sulla compravendita del club.

Carlo Festa, giornalista de Il Sole 24 Ore, nel suo blog The Insider rivela un’ulteriore novità. Ieri sarebbe partita dal CdA del Milan una lettera indirizzata alla Rossoneri Sport Investment Lux, veicolo lussemburghese con cui Yonghong Li ha comprato la società. E’ stato richiesto all’uomo d’affari cinese di procedere entro il prossimo 23 marzo, cioè domani, ad un aumento di capitale da circa 10 milioni di euro. Questo denaro sarebbe una parte dei 30-35 milioni necessari per la gestione fino a fine stagione.

Adesso bisogna capire cosa farà Yonghong Li. Da una parte potrebbe accettare l’aiuto del fondo Elliott Management Corporation, che dopo aver già prestato a lui e al Milan 303 milioni si è detto disponibile a prestare ulteriori 30-35 milioni. Se l’uomo d’affari cinese accettasse, confermerebbe la sua debolezza finanziaria attuale. In caso di rifiuto, dopo il 23 marzo Elliott avrebbe di fatto la possibilità di sostituire Mr Li, in questo caso inadempiente, e iniettare i 10 milioni necessari per il club. La situazione si complicherebbe per l’attuale patron, visto che la sua Rossoneri Sport potrebbe essere considerata in default se la somma non venisse restituita entro una certa scadenza. A quel punto l’hedge fund americano avrebbe in pugno il futuro del Milan.

 

Redazione MilanLive.it