Yonghong Li
Yonghong Li (foto AC Milan)

MILAN NEWS – Dieci milioni di motivi per avere fiducia nella proprietà cinese del Milan, ed in particolare in Yonghong Li, l’azionista di maggioranza tanto spesso discusso per essere una figura misteriosa.

Dieci milioni come quelli che il presidente rossonero ha inviato nelle casse di via Aldo Rossi, confermato ieri anche dall’amministratore delegato Marco Fassone, come ennesimo adempimento dei suoi doveri da azionista: qualche settimana fa il CdA del Milan, riunitosi in sede, aveva chiesto pubblicamente a mister Li un aumento di capitale necessario per le spese e la gestione del club. Entro la fine di giugno servono 40 milioni di euro complessivi, di certo non facili da reperire, ma intanto la prima scadenza è stata rispettata con i suddetti 10 milioni che dovrebbero essere ratificati la prossima settimana.

Una mossa che mette a tacere le voci su una possibile presa di posizione di Elliott Management Corporation, il fondo speculativo con cui il Milan e Yonghong Li detengono una massa debitoria da 303 milioni di euro complessivi. Secondo la Gazzetta dello sport il fondo statunitense sarebbe stato pronto ad intervenire qualora il manager cinese non avesse rispettato scadenze e paletti, ma come già successo in passato tutto è stato riportato alla normalità. Cresce dunque la fiducia, anche se non in maniera totale, per Yonghong Li, che dal punto di vista finanziario non sarà ancora un personaggio cristallino ma è concretamente sempre puntuale e preciso. Chissà se anche la camera di giudizio di Nyon resterà colpita da queste tempistiche sempre rispettate.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it