Jesus Suso
Jesus Suso (©Getty Images)

MILAN NEWS – Continua la tournée in America del Milan, che stanotte affronterà il Barcellona. Autore già di un gol al debutto contro il Manchester United, Suso farà parte del match.

Lo spagnolo è sempre al centro dell’attenzioni per il calciomercato. Si è parlato spesso di Roma nell’ultimo periodo. Ma difficilmente la società di via Aldo Rossi lo lascerà andar via, così come il calciatore stesso, che vuole continuare la sua avventura in rossonero, dove è diventato ormai una pedina fondamentale.

Intervistato da Marca, Suso ha fatto il bilancio di questo tour negli Stati Uniti. Ecco le sue parole: “Contro il Manchester abbiamo giocato bene, la sconfitta è arrivata solo ai rigori. Con il Tottenaham non è andata male, ma ci hanno battuti. Però stiamo prendendo ritmo. Adesso c’è il Barça, che è qui con tanti giovani. Ma tutti sanno cosa fare, hanno una filosofia“.

Al numero 8 rossonero gli viene chiesto quanto sia realmente importante l’aspetto fisico nel calcio italiano: “Sì, e la diversità l’ho notata quando sono arrivato. Si lavora fisicamente e tatticamente più che in Inghilterra e Spagna. Ci sono tante sessioni video e corsi di formazione senza palla. A Gattuso piace giocare, ma cura molto l’aspetto fisico. È una delle peggiori preseason che ricordi…“. Su Gennaro Gattuso: “Ha il DNA Milan, trasmette entusiasmo. Con lui siamo migliorati“.

Lo scorso anno ha segnato sette reti. L’anno prima ancora otto. Numeri buoni, ma da migliorare: “Ho quasi 25 anni e quelle cifre sono basse. Devo migliorare. Adesso, con Gattuso dall’inizio della stagione, starò meglio fisicamente. L’anno scorso ho giocato 50 partite e sono arrivato alla fine con poco gas. Penso di dover raggiungere almeno 10 gol a stagione“.

Il giocatore conferma la sua voglia di continuare in maglia rossonera, ma con un occhio alla Spagna: “In termini di qualità della vita, l’Italia è molto meglio dell’Inghilterra. Assomiglia molto alla Spagna. Mangi bene, vivi bene e il tempo non è male. Mi piacerebbe continuare, ma è chiaro che la Spagna è la mia casa. Mi piacerebbe godermi il calcio spagnolo“. Sulla possibilità di andar via già in questo calciomercato: “Avevamo diverse offerte, quattro o cinque. Ma il Milan non era disposto a negoziare. Dico sempre che amo Milano e la mia famiglia è molto felice. Con la nuova proprietà ci siederemo a parlare per rinnovare di nuovo. Ho rinnovato a novembre e potrei rifarlo presto. Per me è un orgoglio. Il Milan è uno dei club migliori, è una gioia essere importante per questo club“.

Intanto il Milan ha acquistato Gonzalo Higuaìn, ma nel frattempo per ha perso Leonardo Bonucci: “Quando arrivano giocatori così è sempre positivo. Il livello aumenta. Se l’anno è buono per lui, sarà buono anche per noi. È un giocatore che si distingue bene e sa cosa fare con la palla. Bonucci? Perdiamo leadership ed esperienza. Ha portato molte cose in una squadra molto giovane. Sente di aver fatto un passo indietro firmando per il Milan ed è per questo che torna alla Juventus”.

 

Redazione MilanLive.it