Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

NEWS MILAN – Ieri è stato svelato il bilancio del Milan per la stagione 2017-2018. Si è registrata una perdita record di 126 milioni, causata dalla precedente gestione cinese.

Una notizia poco positiva in vista dell’incontro fra qualche settimana con l’UEFA. Ma, come ha spiegato Luca Pagni, il rosso non deve preoccupare. Tramite il suo blog ‘Bollettino Milan’, il giornalista di La Repubblica ha chiarito alcuni punti fondamentali della vicenda. Il primo è già noto: durante agosto e settembre il fondo Elliott ha versato 170,5 milioni alla AC Milan SpA. Inoltre, sono stati estinti i due prestiti obbligazionari. Quindi il club al momento non ha più debiti.

Durante la gestione cinese, il Milan ha avuto più spese che entrate. Ecco perché Elliott, prima dell’estate, ha concesso una dilazione su una parte del debito per consentire al club di rispettare i parametri e iscriversi al campionato. Oggi, a livello di debiti, la società è esposta verso altri club per ‘soli’ 119 milioni, che sono le rate dei calciatori che vanno saldate. Altro dato importante: in bilancio sono state inserite voci straordinarie, che non si trascineranno a lungo. La prima riguarda la svalutazione per 21, 6 milioni di alcuni giocatori (Carlos Bacca e Nikola Kalinic su tutti, ma anche con cifre minori per Luca Antonelli, Jherson Vergara e Gabriel). Accantonati altri 17,5 milioni, invece, in vista di una possibile sanzione da parte dell’UEFA per la violazione del fair play finanziario negli ultimi tre anni di gestione di Silvio Berlusconi.

Ciò vuole dire che il Milan si aspetta una sanzione di carattere economico. Non si sa se ci saranno limitazioni sul calciomercato, ma visto che c’è l’obbligo di una campagna acquisti a saldo zero fra entrate ed uscite, non aveva senso inserirle nel bilancio. In questo modo, Elliott ha pulito il bilancio, così da poter iniziare la nuova gestione praticamente da zero. Sarà fondamentale l’ingresso in Champions League, che vale 40-50 milioni di ricavi. Ma sarà importante anche l’ingresso di nuovi sponsor e di una manovra di marketing. Se ne occuperà Ivan Gazidis a partire dal 1° dicembre. Infine, una curiosità: il mercato condotto da Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli è costato 240,5 milioni.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it