Riccardo Montolivo
Riccardo Montolivo (©Getty Images)

MILAN NEWS – Da calciatore tutt’altro che amato dalla tifoseria a pomo della discordia. Strana la parabola recente che riguarda Riccardo Montolivo.

L’ex capitano del Milan è stato retrocesso nell’ultimo anno solare da utilissimo regista di centrocampo, con indosso la fascia da leader, a riserva o addirittura esubero della rosa. Gennaro Gattuso in estate gli ha fatto capire di non essere più utile alla causa rossonera, nonostante l’ex fiorentino abbia sempre lavorato con umiltà e professionalità, senza mai proferire una parola fuori posto.

Tutto sull’andamento di Montolivo nel Milan? CLICCA QUI

Ieri, come ricorda anche la Gazzetta dello Sport, si è giunti al paradosso assoluto: centrocampo del Milan in emergenza, con ben 5 tra infortunati e squalificati nel reparto, ma Gattuso pur convocando Montolivo ha scelto di lasciarlo in panchina per tutti i novanta minuti, affidandosi a José Mauri (poi fermato dai crampi) ed agli adattati Calabria e Calhanoglu come intermedi della linea mediana a tre.

Difficile dire se l’utilizzo di Montolivo avrebbe cambiato le sorti del match o dato al Milan più geometrie e pericolosità, ma appare strano e ossessivo come Gattuso non si sia affidato alla maturità del numero 18, che come sempre ha mostrato il suo lato signorile con un post su Instagram in cui incoraggiava squadra e compagni dopo il k.o. con la Fiorentina. Convocare Montolivo, seppur considerato esubero, per poi non farlo giocare neanche in emergenza è una scelta davvero inspiegabile.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it