(©Getty Images)

MILAN NEWS – Lo scorso anno il credo tattico di Gennaro Gattuso sembrava essere sicuro e concreto: il tecnico del Milan aveva puntato forte sul 4-3-3 come unico modulo possibile.

In questa stagione invece l’allenatore calabrese ha dovuto quasi forzatamente tentare nuove sperimentazioni; ha provato la difesa a tre, il tandem di punte e il centrocampo massiccio con ben cinque elementi in linea. Colpa degli infortuni e degli equilibri di squadra da ritrovare tramite nuove idee.

Per le ultime sulla formazione Milan a Gedda CLICCA QUI

Ieri contro la Sampdoria Gattuso è ritornato alle origini: spazio al 4-3-3 con Gonzalo Higuain unica punta e due ali d’attacco a girargli attorno, mentre a centrocampo ha deciso di lanciare Lucas Paquetà da mezzala sinistra, nel ruolo che fino a qualche mese fa era proprio di Giacomo Bonaventura. Situazioni però che potrebbero nuovamente essere stravolte in vista della finale di Supercoppa Italiana di mercoledì prossimo.

Gattuso, secondo la Gazzetta dello Sport, sembra intenzionato a riproporre il 4-4-2 di base; l’idea è quella di puntare forte su Patrick Cutrone, ieri decisivo partendo dalla panchina ma che contro la Juve potrebbe diventare la scheggia impazzita da schierare al fianco di Higuain. L’argentino può beneficiare della vicinanza del giovane bomber, sia per non avere tutto il peso dell’attacco sulle proprie spalle, sia per potersi sentire meno solo nell’area di rigore avversaria.

La certezza è rappresentata dall’assenza di Jesus Suso, squalificato per un turno; il Milan potrebbe dunque puntare su due esterni di spinta come Castillejo e Calhanoglu con il tandem mediano Bakayoko-Kessié nel mezzo. In questo modo Paquetà partirebbe dalla panchina, pronto a subentrare come soluzione capace di stravolgere gli equilibri sulla trequarti.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it