Leonardo e Gattuso furiosi: “Errori gravi, più rispetto per il Milan”

Leonardo Araujo AC Milan
Leonardo (foto AC Milan)

MILAN NEWS – Le colpe della sconfitta del Milan di ieri sera in casa della Juventus non sono certo solo degli arbitri, visto che i rossoneri potevano e dovevano gestire meglio il proprio vantaggio.

Ma l’aria che tira dalle parti di Milanello è poco serena per i tanti, troppi torti arbitrali giunti in questa stagione, che di certo complicano la corsa all’obiettivo Champions League. Ieri è stata forse la goccia che ha fatto traboccare il vaso della tranquillità, come dimostrato dalla furia (sempre pacata, s’intenda) del direttore tecnico Leonardo al termine di Juve-Milan.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Leo a fine partita, come riporta la Gazzetta dello Sport, ha deciso di affrontare le interviste post-match come successo a Genova contro la Sampdoria una settimana fa, anche per esprimere il suo dissenso sugli errori del sig. Fabbri: “Mi sembra abbastanza chiaro, il rigore è netto per me e per tutti gli altri che lo hanno visto. Usciamo da questa partita con zero punti per errori arbitrali netti. Le immagini sono chiare e chiediamo più rispetto. Oltre ad Alex Sandro c’è l’episodio di Mandzukic che scalcia Romagnoli, l’ammonizione assurda di Calhanoglu e un atteggiamento generale che non mi è piaciuto. L’arbitro deve mantenere la calma nel dialogo, non è stato all’altezza. Succedeva che spesso la conversazione finisse per accendersi ancora di più, provocando irritazione e condizionando l’umore della squadra. È grave. L’arbitro deve gestire e calmare, non aumentare la tensione”.

Un’insoddisfazione che passa anche da mister Gennaro Gattuso, che però deve anche riprendere il suo Milan per un atteggiamento non da grande squadra: “La Var mi piace tantissimo ma occorre usarla, bisogna avere il coraggio di fermare il gioco per tutto il tempo necessario. Comunque non cerco alibi e credo alla buona fede degli arbitri. Siamo stati bravi nel palleggio, era da un po’ di tempo che non andavamo così bene in termini di qualità. La mia più grande preoccupazione era la mancanza di spirito, stavolta invece abbiamo corso, battagliato, avuto coraggio. Purtroppo abbiamo perso per colpa nostra, commettendo errori che andavano evitati, ma di questa partita ci deve restare tanto, è stata una delle migliori del 2019, ci deve ridare mentalità e voglia. Siamo vivi“.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it