CorSport – Bakayoko-Milan, chance di permanenza ridotte al lumicino

Tiemoué Bakayoko Milan
Tiemoué Bakayoko (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Tiémoué Bakayoko va verso l’addio. L’unico vero acquisto estivo del Milan veramente promosso in campo, alla fine dovrebbe essere anche il primo a far le valigie a fine campionato.

Il ritardo di mercoledì scorso in allenamento è stata soltanto la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E non solo perché Bakayoko in realtà era già recidivo, ma anche perché erano in atto inevitabili riflessioni in corso considerando i costi ingenti e un finale di stagione probabilmente senza Champions League.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sul calciomercato MilanCLICCA QUI <<

Calciomercato Milan, Elliott indispettito da Bakayoko

Così se prima, anche l’Europa che conta, era già complicato riscattare il 24enne francese dal Chelsea, il suo comportamento – rivela il Corriere dello Sport oggi in edicola – ha ridotto al lumicino le sue possibilità di permanenza. Perché a tutte le difficoltà del caso bisognerebbe poi aggiungere i 35 milioni da versare nelle casse di Roman Abramovic, senza dimenticare l’ingaggio del roccioso centrocampista da oltre 6 milioni netti. Stipendio che Elliott Management Corporation dovrebbe prendersi interamente a carico dopo averne pagato solo il 50% quest’anno.

E a proposito di atteggiamenti, il CorSport non ha dubbi: dopo il litigio con Lucas Biglia durante il derby e il gesto ai danni di Francesco Acerbi contro la Lazio, nessuno tratterrà in estate Frank Kessie. Il vero problema, semmai, sarà realizzare una plusvalenza con l’ex-Atalanta, visto quanto è stato pagato. Così sfuma anche la teorica possibilità di sacrificare l’ivoriano per garantire la permanenza del colosso di proprietà del Chelsea. Ma oltre a ogni difficoltà economica – riferisce parallelamente il Corriere della Sera – ci sarebbe anche Elliott direttamente indispettito dai comportamenti del mediano reo di atteggiamenti poco professionali e qualche uscita di troppo. Anche Bakayoko, quindi, rientrerebbe nella rivoluzione rossonera che porterebbe a ben 9 addii.

 

 

Redazione MilanLive.it