Milan, qualità in attacco: Giampaolo vuole Schick e blocca Suso

patrik schick
Patrik Schick e Marco Giampaolo (©Getty Images)

Calciomercato Milan: Giampaolo spinge per Schick e blocca la cessione di Suso.

Più che una semplice idea. Nella testa di Marco Giampaolo il nome di Patrik Schick c’è, c’è eccome. Ma soprattutto, è stuzzicato dall’idea di rilanciarlo, dopo gli anni deludenti alla Roma dove è apparso bloccato più mentalmente che con le gambe.

Alla Sampdoria, con il nuovo allenatore del Milan alla guida, l’attaccante ha giocato la sua miglior stagione in carriera: 35 presenze, 13 gol. In Repubblica Ceca ne ha segnato 9, alla Roma 7 in due anni. In una fase offensiva dove si punta fortemente sulla tecnica e le giocate di qualità, uno come Schick potrebbe esaltarsi. E il Milan ci sta pensando, come ribadisce anche oggi la Gazzetta dello Sport (si ipotizza uno scambio con la Roma con Patrick Cutrone, ma ci sembra una possibilità poco concreta). Giampaolo spinge, gli piacerebbe averlo di nuovo a disposizione e farne la spalla ideale di Krzysztof Piatek. Il polacco uomo d’area, il ceco che gli gira intorno. E poi il trequartista, per tutti Lucas Paquetà. Ma occhio a Jesus Suso

BARCELLONA, SONDAGGIO PER ROMAGNOLI: NO SECCO DEL MILAN

Milan News, Suso trequartista con Giampaolo

Secondo la rosea, l’idea di Giampaolo è quella di fare dello spagnolo uno splendido trequartista. Inizialmente il talento di Cadice sembrava destinato a partire, ora invece a restare. La clausola da 38 milioni blocca qualsiasi soluzione, in primis l’Atletico Madrid, unico club ad aver fatto qualche chiamata per chiedere informazioni. I Colchoneros stanno chiudendo per Joao Felix, operazione da 120 milioni. Difficile immaginare che ne spendano altri 40 per un altro giocatore offensivo. Alessandro Lucci, agente dello spagnolo, è stato più volte a Casa Milan, anche ieri. Le parti hanno ribadito la volontà di continuare insieme. Giampaolo vuole sfruttare al massimo le caratteristiche di un giocatore che ha indubbie qualità. Finora sono uscite fuori soltanto a sprazzi, anche perché inserito in un contesto tattico dove la fase offensiva si basava soltanto sui suoi lampi. In una situazione diversa, con un tipo di calcio diverso, anche lui può esaltare le sue caratteristiche. Più da trequartista che da seconda punta, almeno nella testa di Giampaolo al momento.

 

Redazione MilanLive.it