Claudio Lotito ha parlato degli eventuali assalti a Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista di talento cercato in passato anche dal Milan

Claudio Lotito (©Getty Images)

Un anno fa il Milan sognava di chiudere la sessione di mercato in bellezza, strappando un giocatore di altissima qualità come Sergej Milinkovic-Savic alla Lazio.

Il centrocampista classe ’95 di origine serba però non si è mosso dalla capitale; tutto per la volontà di Claudio Lotito, vulcanico presidente laziale che ha sempre sparato cifre iperboliche per poter trattare con altri club il suo gioiello. Le cose però potrebbero presto cambiare, visto che Lotito stesso ha ammesso di non avere tutta la forza necessaria per replicare l’estate di resistenza di un anno fa.

Intervistato dal Corriere dello Sport di oggi, Lotito ha fatto capire che sarà dura per lui e per la Lazio respingere eventuali assalti ultra-milionari per Milinkovic-Savic, anche se al momento non sono ancora pervenute proposte vere: “Abbiamo creato una casa di vetro: si è capito che non si possono obbligare le persone a svolgere il proprio ruolo in un ambiente nel quale si sentono strette. Milinkovic ha dimostrato serietà e responsabilità, non è il suo caso. Lui si trova bene qui: l’anno scorso sono riuscito a resistere agli assalti degli altri club, quest’anno potrei però avere meno armi se al calciatore venisse prospettata una soluzione diversa. Alcune armi le ho spese l’anno scorso, diciamo così”.

Un messaggio che anche il Milan potrebbe recepire: non sarà facile per i rossoneri andare a caccia di un calciatore giovane e costoso come Milinkovic-Savic, ma le formule sono diverse. La lunga estate di mercato ci dirà se i rossoneri potranno provare a ritornare sul vecchio obiettivo o se sarà stata soltanto la classica boutade di mezza estate.

Juventus, De Ligt: “Mi ispiro a Baresi, Maldini e Nesta”