Home Calciomercato Milan Bruno Fernandes proposto al Milan, ma il prezzo è proibitivo

Bruno Fernandes proposto al Milan, ma il prezzo è proibitivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:20

Bruno Fernandes è tra i nomi nuovi accostati al Milan in questa sessione estiva del calciomercato. Ma il suo arrivo dallo Sporting Lisbona è difficile.

Bruno Fernandes
Bruno Fernandes (©Getty Images)

Bruno Fernandes in Italia è già conosciuto per le sue passate esperienze con Novara, Udinese e Sampdoria. Aveva fatto buone cose, ma nessuno pensava potesse fare un salto di qualità così grande nello Sporting Lisbona.

Dal suo ritorno in Portogallo nell’estate 2017 il suo rendimento ha avuto un’impennata incredibile. 111 presenze con ben 48 gol e 39 assist per il centrocampista classe 1994. Le sue prestazioni non sono rimaste inosservate nei migliori campionati europei, ma la valutazione del cartellino da oltre 70 milioni di euro fatta dallo Sporting Lisbona ha bloccato ogni trasferimento.

Bruno Fernandes offerto al Milan, trattativa difficile con lo Sporting Lisbona

In questi giorni Bruno Fernandes è stato accostato anche al Milan e oggi il quotidiano Tuttosport spiega che effettivamente il giocatore è stato proposto dai suoi agenti. Tuttavia, il prezzo è di quelli proibitivi e il club rossonero non può investire una cifra così grande. E’ emersa l’ipotesi di inserire André Silva, valutato 30 milioni, nell’eventuale operazione, ma comunque andrebbero messi vicini altri 40 milioni almeno.

Difficile immaginare il passaggio di Bruno Fernandes al Milan. Va anche detto che si tratta di un trequartista e che al momento Marco Giampaolo è coperto in quel ruolo. Il gioiello dello Sporting Lisbona sa giocare anche a centrocampo ed eventualmente da seconda punta, quindi è sicuramente un giocatore molto duttile. Però ci sembra complicato che il Diavolo faccia un affare del genere. In Spagna intanto danno per riaperto il discorso per Angel Correa, visto che l’Atletico Madrid sta prendendo Rodrigo Moreno dal Valencia.

Gazzetta – Milan, il Villarreal ripensa a Castillejo: accordo non facile