Il Milan deve abbattere un piccolo tabù, visto che dopo le soste fatica a vincere. Domenica contro l’Hellas Verona non può fallire in campionato.

Marco Giampaolo AC Milan
Marco Giampaolo (©Getty Images)

Per il Milan vincere dopo la pausa per le nazionali rappresenta una sorta di tabù. In questi anni i rossoneri hanno faticato a conquistare i 3 punti dopo le varie soste.

L’ultima volta nella quale il Diavolo è riuscito a imporsi è stato il 16 ottobre 2016, quando la squadra allora allenata da Vincenzo Montella sconfisse in trasferta il Chievo Verona 3-1. Il caso vuole che domenica il Milan giochi nuovamente al Marcantonio Bentegodi, ma contro l’Hellas stavolta. Una squadra che in passato ha dato diversi dispiaceri.

Il Corriere dello Sport ricorda che dall’ultimo successo contro il Chievo sono passate dieci partite post-sosta e il bottino è stato il seguente: 4 pareggi e 6 sconfitte. Nella stagione 2017/2018 in quattro match dopo le pause sono arrivati 4 ko, tutti in scontri diretti: contro Lazio, Inter, Napoli e Juventus. Nella scorsa annata due pari con Cagliari e Lazio, ma anche due sconfitte contro Inter e Sampdoria (guidata proprio da Marco Giampaolo).

Il Milan domenica contro l’Hellas Verona deve assolutamente vincere. Non solo per abbattere il tabù che dura da quasi tre anni, ma anche per dare continuità al successo conquistato col Brescia e presentarsi al derby in una buona situazione. Un passo falso creerebbe non pochi problemi. La squadra di Ivan Juric è battibile, seppur non vada sottovalutata. Se i rossoneri di Giampaolo vogliono puntare alla Champions League, non possono perdere punti contro le neo-promosse.

Giovani, stadio e sponsor: la linea Gazidis per rilanciare il Milan