Home Milan News Milan, riecco Piatek: ora cerca il primo gol all’Inter

Milan, riecco Piatek: ora cerca il primo gol all’Inter

Primo goal all’Inter e ribaltone derby. Dopo essersi sbloccato a Verona dal dischetto, ora è questo il doppio obiettivo di Krzysztof Piatek. L’ultima stracittadina rossonera, infatti, è datata anni fa… 

Krzysztof Piatek Verona-Milan
Krzysztof Piatek esulta in Verona-Milan (©Getty Images)

Milan, riecco Krzysztof Piatek. Un gol per rinascere e spazzare via polemiche e mormorii. Come evidenzia il Corriere dello Sport oggi in edicola, è bastato guardare il suo sguardo fisso sul pallone sul dischetto per capire la rabbia accumulata in questo periodo.

La pesantezza di 120 giorni di astinenza per chi, appena una stagione prima, aveva segnato 23 reti con 56 tiri in porta, capitalizzando quindi il 41% delle occasioni.

Poi l’estate difficile, gli schemi di Marco Giampaolo non ancora assimilati e la panchina all’esordio a San Siro. Il bomber polacco ha sofferto le critiche in quest’avvio, ma l’ha fatto in silenzio e continuando a lavorare fiducioso. E la rete di domenica a Verona, con doppietta cancellata solo dal VAR, interrompe un digiuno che durava dal 19 maggio scorso contro il Frosinone.

Ma ritardo a parte, il pistolero ha quanto meno scelto il miglior momento possibile per ritornare alla ribalta. Al prossimo giro c’è già la gara dell’anno, ossia un trampolino di lancio strepitoso per aprire una nuova super stagione in rossonero.

Da parte sua inoltre, oltre alla volontà di rilanciare il Diavolo, c’è anche la voglia di aggiornare le sue incredibili statistiche. Perché il centravanti rossonero, lo scorso anno, è rimasto a secco contro i nerazzurri in ben due occasioni.

Sia col Milan che in precedenza col Genoa. Una motivazione in più, quindi, per scendere in campo con la classica fame che lo contraddistingue. E c’è in generale da invertire anche un trend negativo a tal proposito, perché l’ultimo derby rossonero risale addirittura al 31 gennaio 2016. Finì 3-0 quel giorno, e in panchina, all’epoca, c’era un guerriero di nome Sinisa Mihajlovic.

Paquetá, confronto anche con Maldini e Massara: il retroscena