Home Editoriali L’EPISODIO – Rincon-Calhanoglu, fallo netto: Guida sbaglia due volte

L’EPISODIO – Rincon-Calhanoglu, fallo netto: Guida sbaglia due volte

Focus sull’episodio decisivo del match Torino-Milan: rossoneri arrabbiati per il fallo su Calhanoglu non fischiato dal signor Guida.

Il fallo non fischiato su Calhanoglu (foto sky)

Prosegue la rubrica della redazione di MilanLive.it, incentrata sull’episodio determinante delle gare giocate in campionato dalla squadra di Marco Giampaolo.

Ieri il Milan è uscito sconfitto dal match dell’Olimpico contro il Torino. Una sconfitta inaspettata in rimonta per 2-1, dopo che nel primo tempo i rossoneri erano stati abili a passare in vantaggio con Piatek e mantenere il pallino del gioco.

L’episodio che, a detta di molti, può essere considerato decisivo per il risultato di ieri sera riguarda il gol del pareggio granata segnato da Andrea Belotti al 72′ minuto.

CorSera – Giampaolo, il Milan non pensa all’esonero: i motivi

Torino-Milan, Guida protagonista: due errori sul gol dell’1-1

L’azione del pareggio momentaneo dei granata nasce da un pallone recuperato in maniera dubbia da Tomas Rincon. Il generoso mediano sradica la sfera dai piedi del milanista Hakan Calhanoglu, con metodi non troppo ortodossi.

Il fallo non fischiato su Calhanoglu (foto sky)

Come si evince dai tanti replay di Sky Sport, Rincon si frappone ostruendo la giocata di Calhanoglu. Chiaro l’intervento con la gamba in mezzo alle gambe del turco. Il venezuelano non tocca il pallone che viene poi recuperato da Ola Aina. Un’azione fallosa, piuttosto evidente, non segnalata però dall’arbitro Marco Guida.

Il direttore di gara campano fa un doppio errore: prima non fischia una punizione netta per il Milan. Poi, dopo che dal proseguo dell’azione nasce il gol di Belotti, non si reca al monitor VAR per rivedere il possibile intervento falloso di Rincon.

Una mancanza dolorosa per il Milan e che si poteva evitare con l’ausilio degli arbitri di sostegno, anche se qualcuno ha persino paventato un malfunzionamento dei monitor in postazione VAR durante il match. Non a caso Guida ha ritardato il fischio d’inizio per un check prolungato degli schermi.

foto sky sport

Dal fallo non fischiato nasce il rilancio di Ansaldi per la ripartenza di Belotti; qui spunta anche l’errore decisivo di Mateo Musacchio: l’argentino invece di aggredire il numero 9 del Toro indietreggia, lasciando al bomber italiano di puntarlo e farlo arrivare fino al limite dell’area.

foto sky sport

Belotti da lì può calciare piuttosto liberamente, con lo specchio quasi aperto: non precisissimo neanche Gigio Donnnarumma sul fendente del suo rivale, comunque secco e potente. Il pallone, dopo la deviazione leggera del portiere, si infila all’angolino riaprendo di fatto la partita. Ma l’errore di Guida è duplice e significativo.

PIÙ NERO CHE ROSSO – Musacchio, così non va