Milan, ricavi commerciali in discesa: i dati preoccupano

Il Milan ha perso circa 30 milioni di euro di introiti commerciali dal bilancio 2015/2016 a quello 2018/2019. Serve una svolta per evitare che la situazione peggiori.

Ivan Gazidis ac milan
Ivan Gazidis (foto AC Milan)

Il bilancio del Milan versa in pessime condizioni da tanti anni. Già sotto la gestione Berlusconi-Galliani le perdite erano enormi, un trend poi confermato con le successive proprietà e dirigenze.

L’ultimo esercizio, quello 2018/2019, ha fatto registrare un passivo record da circa 146 milioni di euro. I costi del club sono senza dubbio sproporzionati rispetto ai ricavi, che sono calati e che devono necessariamente aumentare nelle prossime stagioni. L’amministratore delegato Ivan Gazidis e i suoi collaboratori devono lavorare sodo, anche se il loro operato dipende molto pure dai risultati sportivi.

News Milan, il crollo dei ricavi commerciali nel bilancio

Oggi La Gazzetta dello Sport mette in evidenza il calo avuto dai ricavi commerciali nel bilancio del Milan. Nell’esercizio 2018/2019 la cifra ammonta a 56,8 milioni, inferiori di 6 milioni rispetto a quelli della stagione precedente. E guardando ancora più indietro, il crollo è stato di circa 30 milioni se pensiamo che nel 2015/2016 gli introiti commerciali erano di 86,5 milioni.

Nella prima parte dell’era Berlusconi il Milan è stato una società modello ed era costantemente nelle prime posizioni in quanto a fatturato. All’inizio di questo decennio i ricavi dal settore commerciale si attestavano sugli 80 milioni, il doppio di Juventus e Inter. Il club rossonero riusciva ancora ad attrarre sponsor e partnership, però negli ultimi anni si è registrato un calo evidente.

Nel momento in cui serviva un salto di qualità, cosa fatta dalla concorrenza, invece al Milan è arrivata una crisi. L’appeal del marchio non è più lo stesso, anche perché le stagioni recenti hanno portato risultati scarsi sportivamente e la gloriosa storia passata non basta.

Per una svolta decisa servirebbe una qualificazione alla prossima Champions League, competizione che garantisce ricchi premi e dà un forte aiuto al bilancio. Inoltre permette di attirare sponsor e il fatturato può essere rilanciato. Purtroppo oggi pensare al quarto posto nella classifica del campionato risulta difficile, anche il Milan ha il dovere di provarci nonostante l’avvio di stagione negativo.

Conti, in Milan-Lecce altra chance sprecata: prestito a gennaio?