Home Milan News Gazzetta – Milan-Lazio, pagelle: ottimo Krunic, il peggiore è Duarte

Gazzetta – Milan-Lazio, pagelle: ottimo Krunic, il peggiore è Duarte

Le pagelle redatte dalla Gazzetta dello Sport dopo Milan-Lazio 1-2. Diversi bocciati nella squadra di Stefano Pioli, ma anche dei giocatori promossi a San Siro.

Leo Duarte Ciro Immobile Milan lazio
Ciro Immobile segna il gol dello 0-1 il Milan-Lazio anticipando Leo Duarte (©Getty Images)

Ieri sera a San Siro il Milan ha subito la sesta sconfitta nelle prime undici giornate di campionato. La Lazio nel finale di una partita abbastanza equilibrata ha avuto la meglio, vincendo dopo 30 anni allo stadio Giuseppe Meazza.

Per la squadra di Stefano Pioli un k.o. che fa male sia al morale che alla classifica. L’undicesimo posto con 13 punti a -8 dalla zona Europa League certifica un avvio di stagione veramente pessimo. E domenica c’è la capolista Juventus da affrontare a Torino, dove i rossoneri non hanno mai vinto da quando c’è il nuovo stadio. Servirà un’impresa per fare un risultato positivo.

Milan-Lazio 1-2: le pagelle della Gazzetta dello Sport

Oggi La Gazzetta dello Sport ha redatto le consuete pagelle per il match Milan-Lazio 1-2. Nella squadra rossonera è stato indicato Rade Krunic come migliore. Voto 7 per il bosniaco, che alla prima da titolare si è comportato bene nel controllare Sergej Milinkovic-Savic e anche nell’inserirsi nella metà campo avversaria.

Stesso voto di Krunic anche per Samuel Castillejo, uscito per infortunio dopo la mezzora e che stava rappresentando un pericolo costante per la difesa biancoceleste. 6,5 per Ismael Bennacer e Hakan Calhanoglu. L’algerino non parte bene, ma poi la sua prova migliora nettamente e si rende protagonista di diversi palloni recuperati. Il turco cresce col passare dei minuti e quando trova spazi può pungere. Sfiora il gol su calcio d’angolo.

Sufficienza per Gianluigi Donnarumma, che sulle reti della Lazio non può nulla e che compie delle grandi parate su Immobile, Correa e Luis Alberto in altre occasioni. Alcune uscite alte a vuoto, però Gigio nel complesso non ha responsabilità nella sconfitta. 6 anche per Theo Hernandez, che ieri sera ha avuto davanti un cliente difficile come Manuel Lazzari e non era facile da contenere. Suo il pallone dal quale scaturisce l’1-1.

Ad Alessio Romagnoli 5,5 per la titubanza nel finale su Correa, autore del gol della vittoria. Il capitano del Milan in precedenza aveva fatto una buona prestazione. Stesso voto per Lucas Paquetà, che alterna cose buone ad altre meno positive. Si divora una rete sullo 0-0, deve essere più concreto in certe situazioni.

Per la Gazzetta dello Sport il peggiore tra i rossoneri è Leo Duarte, che si becca un 5. Il brasiliano sbaglia sia sul gol di Immobile con una pessima marcatura e sia nella lettura dell’azione della rete di Correa. Pessima serata, dopo che contro la SPAL era stato tra i più positivi. In difesa bocciato pure Davide Calabria, che sbaglia tanto soprattutto nel primo tempo e viene anche beccato dal pubblico. Nella ripresa meglio, però deve dare di più.

Voto 5 anche per Krzysztof Piatek: mette la punta della scarpa provocando l’autogol di Bastos, ma per il resto prova negativa. Troppo macchinoso e impreciso palla al piede. Bocciati pure Ante Rebic e Rafael Leao. Il croato subentra dopo 35 minuti a Castillejo e lo fa rimpiangere decisamente. Anche il portoghese quando rileva Paquetà delude: doveva garantire un cambio di passo e invece fornisce solo errori.

Milan sconfitto dalla Lazio: mai così male nel dopoguerra