Home Calciomercato Milan MLS, Courtemanche chiarisce: “Ibrahimovic non ha firmato col Milan”

MLS, Courtemanche chiarisce: “Ibrahimovic non ha firmato col Milan”

Dan Courtemanche, vice presidente esecutivo del reparto comunicazione della MLS, è intervenuto sul ritorno di Zlatan Ibrahimovic al Milan dato per certo.

zlatan ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic tornerà a vestire la maglia del Milan? Difficile dirlo. Ma intanto circolano diverse voci di vario tipo: c’è chi conferma l’interesse del club per il giocatore e chi invece lo nega. Il quadro non è completamente chiaro.

A mettere benzina sul fuoco ci ha pensato Don Garber, commissioner della Major League Soccer, con dichiarazioni che hanno alimentato la possibilità concreta di vedere lo svedese in rossonero. Il contratto con i Los Angeles Galaxy scade a fine 2019 e dunque da gennaio 2020 Ibrahimovic può trasferirsi a parametro zero ovunque desideri.

Calciomercato Milan, Ibrahimovic tornerà rossonero o no?

Tuttavia, dagli Stati Uniti arrivano anche smentite. Dan Courtemanche, vice presidente esecutivo del reparto comunicazione della MLS, tramite Twitter ha comunicato: “A dispetto di quanto riportato, il commissioner della MLS Don Garber non ha dichiarato che il Milan abbia acquistato Zlatan Ibrahimovic”.

Solo nelle prossime settimane si capirà meglio il futuro del calciatore, che sembra comunque destinato a lasciare Los Angeles per intraprendere una nuova esperienza. Complicato dire se vi siano concrete chance di vederlo al Milan, squadra in grande difficoltà attualmente e che forse non è tra le preferenze di Ibra al momento.

A lui piace poter lottare per vincere e il club rossonero oggi non offre tale possibilità. Ad ogni modo, nel calciomercato abbiamo visto che le sorprese non mancano mai e di conseguenza non si può escludere l’operazione a priori. Certamente l’età e l’ingaggio di Zlatan non sono in linea con un progetto giovani, ma al Milan attualmente servono innesti di esperienza e personalità oltre che di dotati qualitativamente.

Giunta: Sì allo stadio, ma volumetrie ridotte e San Siro rigenerato