Home Milan News Suso, il perché della separazione dall’agente Lucci

Suso, il perché della separazione dall’agente Lucci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:45

Perché Jesus Suso ha chiuso il rapporto con l’agente Alessandro Lucci? La risposta dal giornalista Nicolò Schira sulla scelta presa dallo spagnolo del Milan. 

Jesus Suso agente Lucci
Jesus Suso (©Getty Images)

La notizia di oggi è la chiusura del rapporto collaborativo tra Jesus Suso e il suo agente Alessandro Lucci. Non erano ancora noti i reali “perché” della scelta.

Secondo Nicolò Schira – giornalista de La Gazzetta dello Sport – c’è un motivo ben preciso alla base di questa decisione dell’8 rossonero. Suso pare abbia chiuso con l’agente per via di quanto (non) accaduto la scorsa estate: “La promessa di spostarlo in estate (non mantenuta) alla base della decisione di Suso di cambiare agente e dire addio a Lucci”.

Insomma, pare che Suso volesse essere ceduto nel corso della scorsa estate di calciomercato, e invece nonostante qualche indiscrezione, nessuno club ha realmente cercato lo spagnolo. Offerte importanti sulla scrivania di Casa Milan non ne sono arrivate.

Suso dunque cambierà procuratore. Non è chiaro chi sarà il sostituto di Lucci: pare che in prima fila ci sia Edo Crnjar, già agente di Kevin P. Boateng. Oppure Federico Pastorello, agente di Lukaku tra gli altri.

Suso-Lucci: addio nato in estate

Anche lo stesso Milan sperava che, soprattutto ad inizio estate, arrivassero richieste per Suso. Nei progetti della dirigenza rossonera era una possibilità concreta rifare il reparto offensivo senza lo spagnolo. E invece non è stato così.

Anzi, Marco Giampaolo lo aveva messo pure al “centro” del progetto: un ruolo da trequartista sul quale il tecnico ci credeva davvero, e poi il fallimento – per certi versi improvviso e inaspettato, almeno nei tempi – già alla prima giornata.

E da lì, è stato una discesa continua per il Milan. Dal fallimento del 4-3-1-2 pensato da Giampaolo, la squadra non si è fondamentalmente mai ripresa. E ne sta ancora pagando le conseguenze, a distanza di mesi, nonostante l’arrivo di Stefano Pioli.

Milan, il tesoretto per gennaio dalle cessioni di Kessie e Borini