Home Calciomercato Milan Milan, il tesoretto per gennaio dalle cessioni di Kessie e Borini

Milan, il tesoretto per gennaio dalle cessioni di Kessie e Borini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10

Calciomercato Milan: per gennaio sono previste almeno due importanti cessioni, Franck Kessie e Fabio Borini. Ecco il tesoretto da poter reinvestire. 

Franck Kessie Fabio Borini cessione gennaio
Franck Kessie & Fabio Borini (©Getty Images)

Il Milan farà delle valutazioni da qui a gennaio, per farsi trovare preparato all’inizio della sessione invernale. In particolare si prevede ci siano alcune cessioni. Tra gli esuberi e qualche elemento ritenuto di troppo, ci sono diversi nomi che potrebbero lasciare il club.

Nello specifico facciamo riferimento ai due nomi più discussi di questi ultimi giorni, ovvero Franck Kessie e Fabio Borini. Caso vuole – perché in fondo di caso si tratta – che sabato scorso i due non siano stati inseriti nella lista dei convocati di Stefano Pioli per Juventus-Milan. Dicevamo, un caso, perché uno era infortunato e l’altro è stato escluso per motivi tecnici.

Borini nel corso degli allenamenti della settimana scorsa aveva avuto un risentimento muscolare al flessore sinistro. Invece Kessie era stato escluso per via di uno scarso impegno durante gli allenamenti e – secondo le dichiarazioni di ieri di Frederic Massara – l’ivoriano era anche “acciaccato” fisicamente.

Milan, ufficiale: Daniel Maldini ha firmato fino al 2024

Via Kessie e Borini: quanto può incassare il Milan?

Una cessione è comunque possibile – e per certi versi anche altamente probabile – seppur per motivi diversi l’uno dall’altro. I colleghi di Sportmediaset parlano di un tesoretto per il Milan da queste due cessioni: 25-30 milioni di euro la cifra che dovrebbe entrare nelle casse rossonere.

Borini sin qui con Pioli non ha giocato nessuna partita, nemmeno una presenza nei minuti finali. Con Giampaolo aveva giocato titolare all’esordio con l’Udinese, per 60 minuti, di livello scadente, ma comunque da centrocampista. E poi altri 10 minuti nel finale contro il Brescia.

Kessie le ha giocate praticamente tutto, eccetto l’esclusione contro la SPAL – rimasto in panchina per tutto il match – e l’ultima nemmeno convocato contro la Juve. Il rapporto tra lui e l’allenatore, e ci mettiamo inevitabilmente dentro anche la società, potrebbe essersi definitivamente rotto visto quanto successo ultimamente.

E probabilmente il comportamento di Kessie non sarà piaciuto nemmeno agli stessi tifosi. In un momento di difficoltà e crisi come quello attraversato dal Milan, deve suscitare voglia e rabbia agonistica nei professionisti, e invece lui smette di allenarsi come dovrebbe. Insomma, da rivedere Franck.

Ora se dalle cessioni di Borini e Kessie il Milan dovesse ricevere tra i 25 e i 30 milioni, a nostro avviso sarebbe una cifra relativamente bassa. Ma sarà il mercato a dare determinate valutazioni.

Milan, futuro Kessie tra Premier League e Cina