Calciomercato Milan | Ibrahimovic perplesso: ecco quando deciderà

CALCIOMERCATO MILAN IBRAHIMOVIC | Ibrahimovic ha chiesto almeno quindici giorni per decidere. I dettagli sull’offerta economica del Milan.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Che piaccia o meno, al Milan serve Zlatan Ibrahimovic. I rossoneri creano ma non segnano: imbarazzante l’involuzione di Krzysztof Piatek e Rafael Leao è troppo giovane e troppo discontinuo. Il problema del gol è gravissimo e lo svedese aiuterebbe la squadra a fare un salto di qualità in questo aspetto.

La trattativa c’è ed è concreta. “Suggestione irresistibile“, l’ha definita Frederic Massara ieri prima di MilanNapoli. Ma è molto più che una semplice suggestione. In settimana c’è stato un incontro con Mino Raiola e la società ha fatto la prima offerta: 18 mesi di contratto, come chiedeva Ibrahimovic, e una cifra economica importante. Insomma, Elliott Management si è esposto e ora si attende la risposta dello svedese, che si è preso ancora qualche giorno per decidere. Il Milan ha fretta: lo vorrebbe a Milanello già ad inizio dicembre per permettergli di lavorare subito con il resto del gruppo.

Di Marzio: “Ibrahimovic-Milan, questione di soldi. Presto la decisione”

Milan, Ibrahimovic chiede tempo

Stando a quanto scrive Calciomercato.com, l’offerta è di 6 milioni per un contratto di 18 mesi. Ibrahimovic si è preso del tempo: quindici giorni per l’esattezza, prima di decidere dove andare. Sul piatto c’è la proposta Milan che è allettante, per sé e anche per sua moglie; l’idea di aiutare il Diavolo lo intriga ma non è l’unica. Sinisa Mihajlovic è stato il primo a chiamarlo per portarlo al Bologna; a Napoli invece ritroverebbe Carlo Ancelotti con cui ha un ottimo rapporto.

Attenzione anche a José Mourinho: ad inizio settimana è stato annunciato come nuovo allenatore del Tottenham e pare aver chiamato Zlatan. La proposta però è di un ruolo da riserva di Harry Kane, titolare indiscusso dell’attacco Spurs. Difficile che Ibra possa accettarlo. Ecco perché pensa concretamente al Milan, dove sarebbe protagonista. Sa di essere ancora determinante e quindi chiede il giusto riconoscimento economico. C’è bisogno però che venga in contro al club.

Jorge Jesus, dal rifiuto al Milan alla vittoria della Copa Libertadores