Un punto e basta: tra Milan e Napoli vince la crisi

Pareggio per 1-1 tra Milan e Napoli nell’anticipo della tredicesima giornata. Un punto che non serve a nessuno per smuovere la classifica.

Rade Krunic José Callejon Milan Napoli
Rade Krunic e José Callejon (©Getty Images)

Un sabato freddo e piovoso quello di San Siro, che ha riflettuto pienamente l’animo di Milan e Napoli, le due grandi delusioni sinora del campionato.

Il pareggio di ieri non serve a nessuno, anzi, è la sintesi di quello che sono attualmente queste due squadre gloriose cadute in disgrazia. Da una parte un Milan con personalità ma lontano anni luce dall’avere quel piglio del gruppo vincente. Dall’altra il Napoli ‘normalizzato‘ dalla recente crisi, dove si gioca più individualmente che di squadra.

Ed è proprio la crisi ad avere la meglio: succede tutto nel giro di mezz’ora, con il Milan partito forte e il Napoli a sorpresa in vantaggio con Hirving Lozano. La replica rossonera spetta a Giacomo Bonaventura, forse l’unica buona notizia del sabato di Stefano Pioli.

Poi il nulla, qualche lampo da una parte e dall’altra ma poche emozioni. Anche sugli spalti, dove i 60 mila spettatori di un San Siro vetusto ma ancora affascinante speravano in una rinascita del Milan o in una ripartenza del Napoli.

Ci si deve accontentare di un punto a testa, un contentino che non risolleva il morale di nessuno. E da oggi bisognerà fare i conti con un presente che preoccupa: a Milanello Pioli farà l’analisi degli altri infortunati (ieri problemi per Suso, Rebic e Kessie) mentre a Castel Volturno proseguirà la lotta intestina tra il patron De Laurentiis ed i suoi calciatori a serio rischio multa.

Milan, Bonaventura: “Grande prestazione, contento del gol. Risultato giusto”