Sportmediaset – Milan, Ibrahimovic più vicino: bonus decisivi, le ultime

Il Milan e Zlatan Ibrahimovic si avvicinano a grandi passi: secondo Sportmediaset si sta trovando la formula giusta per l’ok definitivo.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Differenze sempre più minime, distanze accorciate. Le ultime news sul possibile ritorno al Milan di Zlatan Ibrahimovic appaiono stavolta davvero ottimistiche.

Il centravanti classe ’81 è sulla bocca di tutti da settimane, visto che dopo il sicuro addio ai Galaxy Los Angeles dovrà trovarsi un nuovo club nel quale giocare gli ultimi anni della sua lunga carriera.

Il Milan sta cercando la formula giusta per convincere lo svedese e il suo agente Mino Raiola. Dopo aver smentito l’ipotesi cinese ed un presunto ritorno in patria, Ibra sta valutando seriamente il ritorno in Serie A.

Ibrahimovic, statua bruciata dai tifosi del Malmö – VIDEO

Calciomercato Milan, bonus decisivi per il ritorno di Ibrahimovic

Le ultime novità lanciate da Sportmediaset inducono dunque all’ottimismo: sembra che Ibrahimovic ed il Milan stiano trovando l’accordo definitivo per l’ingaggio dell’attaccante, che in tal caso sbarcherebbe a Milanello a gennaio prossimo.

I rossoneri avevano proposto 2 milioni netti di stipendio per i prossimi sei mesi, per poi migliorare la proposta contrattuale in vista della stagione 2020-2021.

Un’offerta che non sembrava soddisfare Ibra, che però nelle ultime ore starebbe cambiando idea anche grazie all’inserimento dei bonus.

Una parte ‘variabile’ di ricavi all’interno del contratto dello svedese potrebbe essere la chiave giusta per finalizzare il tutto in tempi brevi: in pratica Ibrahimovic guadagnarebbe 2 milioni fissi più alcuni bonus relativi a presenze, gol segnati e obiettivi di squadra, tanto da sfiorare i 3 milioni complessivi.

Una mossa furba dei dirigenti del Milan che contano dunque sia sulla volontà del calciatore di tornare in Italia, sia sulla mancanza di alternative concrete. Entro un mese comunque sarà tutto più chiaro, con i rossoneri che restano in pole.

Caldara preoccupa il Milan: a gennaio serve un difensore