Nuovo San Siro, martedì nuovo incontro. Malagò chiede la svolta

Nuovo San Siro, incontro tra società e Comune fissato per la prossima settimana. Arriva anche la posizione di Giovanni Malagò in vista delle Olimpiadi 2026.

Stadio San Siro Giuseppe Meazza
San Siro (©Getty Images)

Nuovo San Siro, fissata la nuova data del confronto tra società e comune. Come riferisce Tuttosport oggi in edicola, l’incontro è stato fissato per martedì mattina della prossima settimana.

Si inizierà a discutere concretamente dei vincoli contenuti nella delibera del pubblico interesse, con particolare attenzione proiettata sulla rifunzionalizzazione dell’attuale Meazza.

Nel frattempo si registrano parole importanti di Giovanni Malagò, presidente del Coni, rilasciate a margine dell’incontro “Lo sport oltre lo sport”, organizzato proprio a Milano. Al centro del dibattito, quindi, c’erano soprattutto le infrastrutture sportive milanesi.

Inevitabile parlare del nuovo stadio di Inter e Milan e del futuro di San Siro: «Per quanto riguarda l’attuale impianto vale il discorso delle automobili. Questo mondo sta cambiando ad una velocità esponenziale. Anche l’Olimpico deve fare una serie di miglioramenti per gli Europei 2020. E questi parametri vengono continuamente rivisti. San Siro è un grande stadio per capienza e storia, ma oggi i parametri per fare un certo tipo di manifestazioni sono altri».

Malagò ribadisce inoltre che è indifferente che la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi 2026 si tenga a San Siro o nel nuovo stadio: «Non voglio entrare a gamba tesa su questo argomento, ma abbiamo sempre detto che il Cio ha accettato le tre situazioni: San Siro come adesso, San Siro ristrutturato oppure un nuovo San Siro. Qualsiasi tipo di opera, però, deve tener conto della scadenza del 2026».

Pioli lo psicologo: obiettivo classifica degna a Natale