Home Editoriali La rivincita di Conti: lui ed Hernandez certezze del Milan

La rivincita di Conti: lui ed Hernandez certezze del Milan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

Il Milan ha recuperato totalmente Andrea Conti, che anche a Parma ha disputato un’ottima partita. L’ex Atalanta si è preso la maglia da titolare a destra.

Andrea Conti Milan Parma
Andrea Conti (foto acmilan.com)

Il match winner di Parma-Milan è stato Theo Hernandez con il gol decisivo all’88’, ma c’è un altro terzino che merita elogi. Ci riferiamo ad Andrea Conti, autore di una prestazione ottima nella partita disputata ieri allo stadio Ennio Tardini.

L’ex Atalanta è stato schierato titolare per la terza volta consecutiva, trovando dunque quella continuità che mai aveva avuto prima in maglia rossonera. E ha dimostrato di meritare la fiducia di Stefano Pioli, che lo sta preferendo all’amico Davide Calabria. Una prova attenta difensivamente e anche propositiva in fase offensiva.

C’era attesa di vedere il duello tra Conti e Gervinho, visto che l’ivoriano è un osso duro per molti avversari. Il numero 12 del Milan ha superato brillantemente questo test. La prestazione a Parma servirà per aumentare la fiducia in sé stesso di Andrea, che aveva bisogno di continuità in campo per mostrare di poter essere ancora il brillante laterale ammirato a Bergamo nella stagione 2016/2017. Scacciate anche alcune critiche.

Quello che stiamo vedendo è un Conti assolutamente ritrovato. Rispetto alle prime timide apparizioni in questo campionato, ora vediamo un calciatore che gioca con personalità e grinta. Molto più attento nell’affrontare gli avversari e maggiormente preciso nella gestione del pallone.

Adesso speriamo che Andrea prosegua mantenendo questo rendimento e che, anzi, possa ulteriormente migliorarlo. È veramente bello vedere che è riuscito a reagire a un momento molto difficile e a tornare ad essere un giocatore vero. Pioli gli ha dato fiducia e non ha sbagliato.

Ora il Milan ha due terzini come Conti ed Hernandez che possono offrire molto in fase d’attacco, ma che allo stesso tempo sanno pure difendere. Entrambi hanno margini miglioramento e che oggi rappresentano una delle poche certezze di una squadra che ha ancora una classifica pessima in campionato. Servirà vincere anche a Bologna.

Milan, ufficiale la maglia celebrativa per i 120 anni – FOTO