Home Milan News Piatek, record negativo in Parma-Milan. Ma questo Leao non convince

Piatek, record negativo in Parma-Milan. Ma questo Leao non convince

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:53

Rafael Leao non sta impressionando quando subentra a Krzysztof Piatek, che in Parma-Milan ha registrato un primato personale negativo. Stefano Pioli avrà bisogno di un centravanti nuovo a gennaio.

Rafael Leao
Rafael Leao (©Getty Images)

Quando un centravanti ha un rendimento negativo può essere automatico tenerlo in panchina per schierarne un altro. Tuttavia, non sempre gli allenatori ragionano così.

Infatti, c’è chi magari insiste con lo stesso giocatore nella speranza che si sblocchi. E a volte il mancato avvicendamento può dipendere sia dalle differenti caratteristiche che dalle scarse garanzie che dà il sostituto. Al Milan sta succedendo un mix di tutto questo.

Stefano Pioli continua a puntare su Krzysztof Piatek, che ieri a Parma ha stabilito un nuovo record negativo: niente gol per la sesta partita consecutiva. Non gli era mai successo da quando gioca in Serie A. Nella passata stagione si era fermato a cinque. Le sue prestazioni sono negative da diverso tempo, però la maglia da titolare continua a venirgli consegnata.

Ciò avviene anche perché Rafael Leao tutte le volte che è subentrato a Piatek non ha convinto. Contro la Lazio il suo atteggiamento fu pessimo e Pioli lo sottolineò. Anche nelle successive apparizioni il portoghese non ha convinto, ad esempio ieri sera a Parma. Non è sempre facile subentrare, però è lecito attendersi qualcosa di più da un giocatore per il quale il Milan ha fatto un investimento da circa 25 milioni di euro in estate.

L’ex di Sporting Lisbona e Lille deve dare un apporto maggiore. Leao possiede buone qualità e deve metterle meglio al servizio della squadra. Inoltre, è importante che impari ad “aggredire” meglio l’area avversaria facendosi trovare pronto in caso di assist dei compagni. Alcuni movimenti da prima punta non gli vengono ancora naturali, gli piace più svariare che essere un punto di riferimento. Però deve imparare.

La rivincita di Conti: lui ed Hernandez certezze del Milan