Home Milan News Leao insidia Piatek: ballottaggio in attacco per Bologna-Milan

Leao insidia Piatek: ballottaggio in attacco per Bologna-Milan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

Rafael Leao sta lavorando bene a Milanello e spera che Stefano Pioli gli conceda un’occasione in Bologna-Milan. Il rendimento di Krzysztof Piatek finora è negativo.

Rafael Leao
Rafael Leao ©Getty Images)

Ormai è innegabile la crisi di Krzysztof Piatek, che non sta minimamente riuscendo a garantire i gol della passata stagione. Il Milan in attacco fatica a segnare e la scarsa vena realizzativa del polacco pesa.

Va detto che non sempre l’ex Genoa viene servito nella maniera migliore, ma altre volte è lui a sbagliare. Oltre a sciupare qualche buona occasione, commette diversi errori nella gestione del pallone. È poco di aiuto allo sviluppo della manovra di gioco della squadra, oltre a non essere affatto infallibile quando è in area. Irriconoscibile rispetto alla scorsa annata, dove stupì tutti con reti a ripetizione.

Verso Bologna-Milan: Leao titolare e Piatek in panchina?

Oggi La Gazzetta dello Sport spiega che Rafael Leao si è mostrato particolarmente in forma negli ultimi allenamenti. Due giorni fa ha segnato una doppietta nella partitella in famiglia e ieri si è alternato con Piatek nelle esercitazioni tattiche. In vista di Bologna-Milan è ballottaggio tra i due attaccanti per una maglia da titolare.

Stefano Pioli dovrà decidere se confermare il polacco, nonostante il rendimento pesantemente negativo e le sei partite senza gol, oppure se dare un’occasione all’ex Lille. Quest’ultimo era partito titolare nelle prime partite con il nuovo mister, che però poi ha rimesso Piatek nella formazione tipo.

La velocità e l’imprevedibilità del 20enne portoghese possono essere armi utili contro il Bologna. Pioli deve valutare se giocarsele subito oppure a match in corso. I prossimi allenamenti saranno decisi. Entrambi gli attaccanti dovranno dare tutto a Milanello per convincere l’allenatore.

Sullo sfondo c’è Zlatan Ibrahimovic, che potrebbe tornare al Milan e togliere dello spazio a chi c’è oggi. A meno che Pioli non valuti un cambiamento di modulo. E non ci sarà il ritorno dello svedese, comunque un centravanti di esperienza arriverà a gennaio. Il club vuole maggiori garanzie in attacco.

Ibrahimovic-Milan, conto alla rovescia: entro 10 giorni la risposta finale