CorSera – Milan e l’Europa: ora serve una rimonta leggendaria 

Frenata Milan ieri a San Siro. Come evidenzia il CorSera, ora servirà una rimonta leggendaria per l’Europa e sarà necessario un bomber per provarci.

Krzysztof Piatek
Krzysztof Piatek in Milan-Sassuolo (©Getty Images)

Flop Milan ieri a San Siro. Così lo definisce il Corriere della Sera oggi in edicola. Mezzo, ma pur sempre flo. Non tanto sul piano del gioco, ma per il risultato finale e un punto finale che va strettissimo agli uomini di Stefano Pioli.

Servivano infatti tre punti fondamentale dopo le vittorie con Parma e Bologna, anche sporchi e maledetti, ma erano obbligatori. Invece è arrivato soltanto un pareggio amaro, un risultato che sa di frenata e di passo indietro per i rossoneri.

Così adesso – evidenzia il CorSera – servirà solo una rimonta da leggenda per centrare l’obiettivo Europa: si può fare, sì, ma è chiaro che ogni punto sciupato, soprattutto contro le medio-piccole, renderà l’obiettivo sempre più complicato.

Quel che è certo è la crescita sul piano del gioco e nell’aspetto mentale. Gli effetti della cura di Pioli, infatti, sono sempre più visibili, con i quattro risultati utili consecutivi che sono la prova di una solidità di base e di un’autocoscienza che prima non c’era. E anche di una tenuta mentale che si sta affinando di settimana in settimana. Il problema resta però sempre lo stesso: fare gol.

Ma guai a parlare di sfortuna. La verità – sottolinea il giornale – è che questa squadra arriva in area con una certa disinvoltura, per poi svanire all’improvviso inghiottita da un buco nero. Serve un finalizzatore. Un bomber famelico. E se alla fine non dovesse essere Zlatan Ibrahimovic per cui cresce il pessimismo, dovrà essere un altro. Impossibile, altrimenti, recuperare 8-10 punti con il 16° attacco della Serie A.

Milan-Sassuolo, le pagelle della Gazzetta: super Theo, delude Suso