Boban-Elliott, è pace: c’è stato un fraintendimento 

Zvonimir Boban ed Elliott Management Corporation: clima sereno tra le parti. Come infatti rivela La Gazzetta dello Sport, c’è stato solo un fraintendimento già chiarito relativo alle dichiarazioni di Bergamo. 

Zvonimir Boban
Zvonimir Boban (©Getty Images)

Pace fatta tra Zvonimir Boban e i vertici di Elliott Management Corporation. Lo assicura La Gazzetta dello Sport oggi in edicola. Ma come sottolinea il quotidiano, si è trattato solo di un fraintendimento in riferimento alle dichiarazioni post partita di Bergamo.

La proprietà, infatti, non aveva preso le parole pronunciate dal dirigente milanista. Ossia quel “Vedremo quello che ci permetteranno di fare”. Parole considerate inopportune in quanto sembravano un’esortazione a investire. Ma se si parla di investimenti – ricorda Elliott – va detto che la proprietà non ha mai fatto mancare il proprio supporto. Seppur con delle limitazioni, si è comunque impegnata di volta in volta a fare il dovuto.

Ma non era la famiglia Singer la destinataria del messaggio di Boban. Anche perché il Cfo rossonero ha contatti frequenti con Gordon Singer e il rapporto appare solido come non mai. La giusta chiave di lettura piuttosto era un’altra. Ossia vedremo cosa ci permetteranno di fare in riferimento alle condizioni in cui la società si trova costretta ad agire.

Il mercato, del resto, va calcolato sui vincoli imposti dal Fair Play finanziario dell’Uefa e con tutte le difficoltà del caso relative al mercato invernale: pochi giocatori sul mercato ed è dura convincere gli altri club a privarsi a stagione in corso dei propri elementi migliori. Rilettura che ha convinto anche Elliott. Boban poi è stato l’unico di tutta la dirigenza presente a Bergamo a metterci la faccia. Gli altri sono rimasti in silenzio. Quello del Dt Paolo Maldini, primo responsabile dell’area sportiva, ha fatto particolarmente rumore.

Todibo in arrivo: può essere a Milanello il 30 dicembre