Home Milan News Capello: “Ibrahimovic superiore a tutti. Sarà da stimolo per gli altri”

Capello: “Ibrahimovic superiore a tutti. Sarà da stimolo per gli altri”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:02

Il giudizio di Fabio Capello sull’arrivo di Zlatan Ibrahimovic al Milan. L’ex allenatore rossonero, che per primo allenò lo svedese in Italia, ne ha parlato così. 

Fabio Capello
Fabio Capello (©Getty Images)

Fabio Capello ha commentato l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic al Milan. Un ritorno atteso, e finalmente ufficiale dalla giornata di ieri. Ai microfoni di Rai 2, nel corso della trasmissione Dribbling, ecco il suo pensiero.

Prima di tutto si parla della condizione fisica, un dubbio già avanzato dallo stesso Paolo Maldini che disse che più tempo passa senza allenarsi, più è complicato che arrivi al Milan: “Sicuramente, non giocando da mesi, uno grande come lui faticherà ad entrare in forma in breve tempo però ha una qualità superiore rispetto a tutti gli altri.

Sui benefici che il Milan potrebbe avere con Zlatan: “Credo che per i rossoneri Ibrahimovic sia un buon acquisto. È un giocatore che ha personalità, che non vuole scendere in campo per partecipare ma per vincere, quindi sarà da stimolo per gli altri“.

Infine l’incognita più grande, il ruolo che avrà sul campo. Se sarà o meno compatibile con Krzysztof Piatek o Rafael Leao: “Si deve vedere se gli altri possono giocare con lui. Di certo Ibra fa giocare bene coloro che gli gli stanno vicini, è la sua capacità. Alcuni giocatori hanno fatto tanti gol quando c’era lui e poi quando è andato via non li hanno più fatti, parlo soprattutto di centrocampisti che vengono da dietro”. Per completezza di informazioni, ricordiamo che Capello qualche mese fa disse che nella rosa attuale, solo due giocatori sono da Milan: Rafael Leao e Theo Hernandez.

Infine Capello ci tiene a ricordare che fu il primo ad allenare Ibra in Italia, alla Juventus, e a tirar fuori il suo potenziale: “Io ho tirato fuori le sue qualità e il suo talento che prima faceva fatica a fare emergere”.

PSG-PAQUETA’, OFFERTE RIFIUTATE: IL MILAN CHIEDE 35 MILIONI