Milan-Sampdoria, effetto Ibrahimovic: si va verso i 60.000 spettatori 

Milan boom con l’approdo di Zlatan Ibrahimovic: impennano le vendite al botteghino ma salgono esponenzialmente anche i numeri social. Di seguito i dati. 

Zlatan Ibrahimovic Milan-Rhodense
Zlatan Ibrahimovic nell’amichevole Milan-Rhodense (Foto AC Milan)

Ancor prima di scendere in campo, Zlatan Ibrahimovic già batte se stesso in un dato. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, saranno circa 60.000 lunedì sera a San Siro. Così la seconda prima volta dello svedese nella scala del calcio da milanista riempirà lo stadio molto più della prima di dieci anni fa.

Allora lo svedese si presentò ai tifosi circa due volte: prima in jeans e polo il 29 agosto 2010 prima di Milan-Lecce davanti a poco più di 37 mila spettatori, poi in Milan-Catania tre settimane dopo con 43 mila spettatosi sugli spalti.

Stavolta, invece, si viaggia appunto verso i 60 mila: sono già 56 mila i tagliandi acquistati per la gara nel giorno dell’Epifania, ed è facile immaginare la meta raggiunta tra altre 48 ore. E non finisce qui: come evidenzia il quotidiano, Ibra potrebbe anche bruciare le tappe e spuntare addirittura tra gli 11 di Stefano Pioli.

L’approdo del gigante di Malmoe ha dunque dato una scossa importante all’ambiente, considerando che la gara col Sassuolo per i 120 anni di storia, tanto per rendere l’idea, ha visto quasi 58 ila spettatori. La prima gara del 2020, quindi, si piazzerebbe dritta sul secondo gradino più alto del podio, alle spalle solo dei 70.440 presenti per il derby e superando magari i 61.658 di Milan-Napoli.

Numeri da urlo anche sui social. Dal 27 dicembre a ieri infatti, ossia dal giorno dell’annuncio a quello della presentazione, il Diavolo ha registrato un balzo in avanti dell’1,54% di follower su Instagram, nonché la migliore performance tra le prime 20 società europee davanti anche al Borussia Dortmund del neo-acquisto Haaland (+1,02%). Crescita 0,25% invece su Facebook: registrati più di 60mila like, con 1,64 milioni di interazioni. In entrambi i casi si tratta del quinto miglior dato in Europa.

Milan, Ibrahimovic: “Il primo allenamento è stato buono”