Biglietti non risarciti: l’Antitrust indaga anche sul Milan

L’Antitrust ha aperto nove provvedimenti istruttori, fra le società coinvolte c’è anche il Milan

san siro
Stadio Giuseppe Meazza – San Siro (©Getty Images)

L’Antitrust ha messo nel mirino nove società di Serie A: Inter, Milan, Roma, Lazio, Juventus, Cagliari, Udinese, Atalanta, Genoa. Il motivo è legato a biglietti e abbonamenti non risarciti in caso di rinvio della partita o di chiusura dello stadio.

L’indagine si basa quindi sulle “clausole vessatorie nei contratti di acquisto di abbonamenti e biglietti per le partite”. Queste clausole di cui si parla non sarebbero presenti nei contratti di acquisizioni dei biglietti delle partite di queste nove società. In sostanza, senza queste, i tifosi non hanno la possibilità di chiedere risarcimenti in caso di chiusura dell’impianto o di rinvio del match.

Questo ha portato l’Antitrust ad aprire un’indagine. I procedimenti istruttori sono stati aperti, spiega l’ente, a seguito di un mancato accoglimento dell’invito rivolto a questi nove club da parte delle Autorità l’8 maggio 2019. Chi invece ha risposto alle sollecitazioni sono state Parma e Bologna, che hanno inserito le clausole nei contratti, le altre squadre no.

Fra queste quindi c’è anche il Milan, che ora attenderà sviluppi sulla situazione. Vedremo come andrà a finire questa storia.

RODRIGUEZ VUOLE IL PSV: LE ULTIMISSIME