Milan, accantonata l’idea Todibo: i motivi della scelta 

Niente più Milan per Jean-Clair Todibo: con l’arrivo di Simon Kjaer, il club ha definitivamente accantonato l’idea blaugrana. Di seguito i motivi della scelta. 

Jean-Clair Todibo
Jean-Clair Todibo (©Getty Images)

Niente Milan alla fine per Jean-Clair Todibo. Il difensore richiesto da Stefano Pioli è anche arrivato, ma la società ha puntato su Simon Kjaer dell’Atalanta piuttosto che sul 19enne francese. Una scelta dettata dall’urgenza rossonera ma che adesso sa anche di verdetto definitivo come assicura Calciomercato.com.

La società, infatti, nonostante la lunga trattativa tra Paolo Maldini ed Eric Abidal, ha definitivamente frenato per il talento del Barcellona. Palesatasi l’opportunità Kjaer, giunto a condizioni particolarmente vantaggiose, è stata del tutto accantonata la precedente idea.

Milan-Todibo, i motivi del mancato affare

Alla base della decisione, oltre all’impellenza, c’è anche una società non convinta dall’atteggiamento del giocatore. La titubanza dell’atleta, il quale preferiva mantenersi una clausola di riacquisto per poter tornare al Barça in futuro, è stata infatti compresa ma non condivisa dalla dirigenza milanista.

Tanto da accantonare così ogni discorso nonostante gli sforzi precedenti e dirottare con decisione sul danese in uscita dalla Dea. Una decisione netta e probabilmente definitiva, anche perché il Milan si aspettava di avere già Todibo a disposizione in questi giorni.

Invece alla è stato anche lo stesso francese a tentennare, in virtù delle proposte giunte pure da Monaco e Schalke 04. Il tutto, parallelamente, all’insistenza catalana sul possibile riacquisto futuro e un’intesa sulla cifra mai davvero arrivata tra le parti.

Ad oggi – rivela il portale – ci sarebbero anche altri difensori in lista ma non si esclude di restare così in difesa. Del resto con la staffetta tra Kjaer e Mattia Caldara il reparto è già requilibrato. Ora sono tre i centrali difensivi su cui il tecnico può contare per i prossimi sei mesi e due sole competizioni all’orizzonte. Alessio Romagnoli, Mateo Musacchio, Kjaer appunto e senza dimenticare il giovane Matteo Gabbia.

Milan-Piatek: il club comunica le intenzioni all’entourage